Piramidoterapia

L’uso della piramide e delle sue misteriose proprietà nella cura di numerosi disturbi, si basa sul concetto della confluenza energetica che si sviluppa al vertice ed al centro della piramide. Secondo i “piramidologi” la forma particolare delle piramidi sarebbe in grado di concentrare e amplificare l’energia cosmica e terrestre. Per avere questo effetto devono soddisfare determinati rapporti geometrici in scala, che rispettano i parametri della piramide egizia di Cheope. Il primo ad interessarsi delle caratteristiche energetiche delle piramidi fu lo studioso di fenomeni occulti Antoine Bovis che realizzò esperimenti per accertare il loro effetto sulla mummificazione di animali morti, successivamente l’ingegnere Karel Drbal ed altri studiosi attribuirono alle piramidi il potere di conservare i cibi, ritardare l’irrancidimento del latte, favorire la crescita dei vegetali, purificare l’acqua inquinata, ecc. La piramide rappresenta una delle figure geometriche su cui si basa lo studio della chimica organica, il carbonio da un punto di vista stereochimico viene rappresentato da una figura tetraedrica piramidale con al centro il nucleo atomico e gli orbitali rivolti verso i quattro vertici. Esse hanno una moltitudine di applicazioni esoteriche e scientifiche che vanno dagli usi magici, cerimoniali, ed all’impiego in radioestesia e piramidoterapia. Alcune proprietà della Piramide sono: la mummificazione di materiale organico, la purificazione e magnetizzazione dell’acqua, favorire la meditazione e l’apertura del Terzo Occhio, rinvigorire le persone, ricaricare le energie interori, purificare dall’inquinamento radioattivito. A questi straordinari poteri attribuiti alle piramidi si sono sviluppati una serie di studi afferenti alla “piramidologia”, in particolare dagli studiosi della New Age. La piramidologia attribuisce alle strutture geometriche piramidali la peculiarità di captatori e condensatori di “energia cosmica”; proprietà presenta non solo nelle piramidi originali egizie, ma anche da modelli metallici realizzati su scala.