Medicina Olistica

Il termine olistico deriva dalla parola greca holós (intero); l’olismo è una filosofia che considera l’organismo nella sua interezza piuttosto che nelle singole parti che lo compongono, il. rapporto principale si sviluppa sulla triade anima, mente e corpo. Sono indivisibili e intimamente connessi tra loro, attraverso un contatto continuo e reversibile quasi a costituire un’omeostasi dell’essere: l’Io superiore, la personalità e il fisico. Secondo la medicina olistica, l’organismo è considerato nella sua totalità in relazione alla convinzione che tutti gli organi che lo costituiscono sono strettamente legati tra loro e, pertanto, la malattia rappresenta un’alterazione dell’equilibrio energetico esistente tra i diversi organi; si evidenzia quando i rapporti tra le emozioni endogene intrinseche alla personalità e le influenze esogene provenienti dall’ambiente non sono in armonia, sono contrastanti, non rispecchiano le attese e i bisogni del fisico e spirituali della persona. Le cause principali si riscontrano nelle cattive abitudini e stress, sia fisico sia psichico, in disadattamenti sociali, della personalità e squilibri economici, che promuovono la formazione di fattori perturbanti: paura, preoccupazioni e tensioni emotive. Inoltre, fattori inquinanti dell’aria, del cibo e dell’acqua, fattori tossici causati da farmaci, alcolici, alimenti grassi e carenza d’esercizio fisico, di riposo e di rilassamento, costituiscono ulteriori elementi d’alterazioni dell’equilibrio organico. La medicina olistica valorizza e analizza l’interazione tra il corpo e lo spirito, la personalità e l’ambiente; attraverso la comprensione di questi rapporti è possibile favorire, con l’ausilio delle terapie naturali e di un regime alimentare, il processo di guarigione del paziente attivando una sorta di equilibrio psico-fisico sbloccando l’energia vitale, per riacquistare benessere e felicità interiore.