Oligoterapia

admin
By admin maggio 1, 2014 08:25

oligoterapiaL’oligoterapia rappresenta una metodica terapeutica basata sulla somministrazione di oligoelementi diluiti e dinamizzati secondo il metodo omeopatico.
Sono definiti oligoelementi, dal greco oligos (poco) gli elementi chimici presenti nell’organismo umano in concentrazione inferiore a 0.01% della massa corporea; quindi in un soggetto di 70 kg sono presenti circa 7 g di un determinato elemento.
Menetrier affermava che la maggior parte delle patologie, rappresentano il risultato di vere e proprie “malattie funzionali” dell’organismo, che, se non corrette e riequilibrate, conducono alla patologia acclarata:”Le manifestazioni cliniche funzionali sono conseguenze di blocchi a livello enzimatico con rallentamenti e alterazioni a catena di vie metaboliche con possibili lesioni organiche“.
Gli oligoelementi hanno un ruolo fondamentale nel mantenere l’equilibrio metabolico, e una loro carenza, definita ametallosi, porta a una malattia funzionale, secondo lo schema seguente:

ametallosi → carenza enzimatica → alterazione metabolica → malattia funzionale

L’azione degli oligoelementi si esplica a livello funzionale enzimatico o strutturale come parte integrante di ormoni, vitamine, tessuti, ecc..
Gli oligoelemnti vengono classificati in funzione della loro attività ed importanza sui processi metabolici in essenziali e non-essenziali:

Oligoterapia-2FORMA FARMACEUTICA

Fiale da 2 ml in DH ( diluizioni Hahnemaniane decimali ), salificati con Acido Gluconico ( ac, fisiologico del ciclo metabolico del glucosio).
Normalmente gli oligoelementi vengono somministrati sotto forma di sali organici; tra questi, di solito si preferisce l’acido gluconico, derivante dall’ossidazione del glucosio. L’organismo può facilmente scindere i gluconati, liberando così il metallo catalizzatore e trasformando il glucosio in acido glicuronico, che aumenta le capacità disintossicanti organiche.

SOMMINISTRAZIONE

Gli oligomenti vengono assunti per via perlinguale a digiuno, mantenendolo per alcuni minuti sotto la lingua e successivamente deglutiti, la posologia cnon varia per i bambini, adulti e anziani.
La posologia varia a seconda della gravità dei sintomi o della cronicità; di solito si somministrano 2-3 dosi al giorno nei casi acuti e una dose al giorno come mantenimento. In caso di terapia con più di un oligoelemento, si consiglia una distanza d’assunzione di circa 10 minuti tra l’uno e l’altro.

DIATESI I - MnDIATESI II - Mn CuDIATESI III - Mn CoDIATESI IV - Au Cu AgDIATESI VOligoelementi complementari

DIATESI I – Mn

Allergica o artritica

Elementi diatesici Manganese

Diatesi giovane, caratterizzata da tendenze morbose prevalentemente allergiche a carattere acuto e periodico.

Tipologia somatica

Soggetti fisicamente robusti, squadrati, con pelle secca, colorito chiaro.

Aspetti iridologici

Aspetto fibrillare- misto, orlo pupillare interno visibile, collaretto marcato con presenza dell’angolo di Fuchs, trama compatta e robusta, presenza di fiocchi biancastri.

Comportamento mentale

Energico, volitivo, impetuoso, ottimista, fiducioso di sé, nervoso, irascibile, amante delle novità, memoria selettiva.

Comportamento fisico

Astenia mattutina, stanchezza che scompare durante l’attività, iperattivo di sera, sonno irregolare. Astenia migliorata dall’attività o dallo sforzo fisico, in particolare all’aria aperta.

Manifestazioni morbose

  • Orticaria, edema di Quincke.

  • Eczema costituzionale o atopico.

  • Oculorinite allergica.

  • Asma bronchiale allergico.

  • Emicrania periodica.

  • Algie diffuse erratiche senza lesioni articolari.

  • Turbe dispeptiche e allergie alimentari.

  • Colon irritabile.

  • Eretismo cardiaco con palpitazioni e precordialgie.

  • Ipertensione arteriosa sintomatica.

  • Ipermenorrea, polimenorrea, dismenorrea.

  • Iperfollicolinismo.

  • Soggetto ipertiroideo.

DIATESI II – Mn Cu

Ipostenica

Elementi diatesici Manganese-Rame

Soggetto fragile con mancanza di resistenza allo sforzo fisico e intellettuale. Tendenze morbose caratterizzate da processi infettivi recidivanti con prevalenze allergiche a carattere acuto e periodico, le patologie assumono spesso forme croniche.

Tipologia somatica

Aspetto fisico arrotondato, molle, flaccido con pelle bianca e fredda.

Aspetti iridologici

Soggetto con iride di colorazione mista, orlo pupillare appena evidente. Collaretto visibile con angolo di Fuchs arrotondato (ipotonia ortosimpatica). Pigmentazione con macchie scure microbiche, sovraccarico tossinico dell’anello gastro-intestinale e della circolazione.

Comportamento mentale

Soggetto calmo, ponderato, indifferente, scarsa memoria, metodico e dotato di autocontrollo.

Comportamento fisico

Stanchezza progressiva serale, mancanza di resistenza, ha bisogno di riposo, sonno abbastanza buono.

Manifestazioni morbose

  • Infezioni recidivanti delle prime vie aeree della sfera O.R.L. (rinite, tonsillite, faringite, otite, sinusite, bronchite).

  • Bronchite asmatica.

  • Alcune forme di eczema.

  • Cistiti recidivanti.

  • Ipomenorrea, oligomenorrea, dismenorrea.

  • Colite, sigmoidite, rettocolite.

  • Soggetto ipotiroideo.

DIATESI III – Mn Co

Distonica-Neurovegetativa

Elementi diatesici Manganese-Cobalto

Definita diatesi di involuzione, si giunge ad essa partendo da una diatesi precedente; sviluppa tendenze morbose caratterizzate da turbe neuro-vegetative e neuro-artritiche (viene detta neuro-artritica e vecchia perché si manifesta in genere dopo i 40 anni).

Tipologia somatica

Aspetto fisico sodo e muscoloso con pelle calda, umida e rossa; sono astenici verso la fine della mattina e nel tardo pomeriggio.

Aspetti iridologici

Scomparsa dell’orlo pupillare interno, del collaretto e dell’angolo di Fuchs, trama di scarsa consistenza con presenza di ogive, di raggi solari che solcano il piano pupillare e radiale, macchie scure nella zona settoriale degli organi che indicano depositi lipidici.

Comportamento mentale

Soggetto ansioso, nervoso, malinconico, depresso, dominato da preoccupazioni, con diminuita capacita di concentrazione e memoria, invecchiamento organico, soggetto ansioso.

Comportamento fisico

Astenia mattutina con progressivo affaticamento durante la giornata. Stanchezza progressiva agli arti inferiori, pesantezza delle gambe. Sonno discontinuo, con risveglio notturno.

Manifestazioni morbose

  • Disturbi della circolazione arteriosa e venosa periferica (ipertensione arteriosa, claudicatio intermittens, morbo di Raynaud, acrocianosi, varici, parestesie, crampi, pesantezza agli arti inferiori).

  • Turbe gastrointestinali da distonia neurovegetativa (gastroduodenite, ulcera gastroduodenale, discinesie delle vie biliari, colon irritabile, meteorismo).

  • Reumatismo degenerativo nelle sue varie localizzazioni (cervicoartrosi, lomboartrosi, coxartrosi, gonartrosi).

  • Sindromi dolorose muscolari da fibromialgia.

  • Reumatismo dismetabolico (iperuricemia, gotta).

  • Turbe della menopausa.

  • Ansia, insonnia, turbe dell’umore.

  • Disfunzioni metaboliche con tendenza all’iperuricemia, iperazotemia, ipercolesterolemia.

Somministrazione: 1 fiala al dì

DIATESI IV – Au Cu Ag

Anergica

Elementi diatesici Oro-Rame-Argento

Rappresenta la diatesi più vecchia, può essere transitoria in casi di convalescenza oppure persistere evolvendo verso patologie lesionali. L’azione consiste in una stimolazione a livello corticosurrenale, soggetto ipostenico.

Tipologia somatica

Aspetto esile e gracile, con pelle grassa, fredda e secca; sono costantemente astenici con assenza di vitalità.

Aspetti iridologici

Assenza dell’orlo pupillare interno e del collaretto, appiattimento dell’angolo di Fuchs, trama iridea allargata, presenza diffusa di ogive, macchie di sovraccarico tossinico, presenza dell’anello psorico e sodico.

Comportamento mentale

Mancanza di vitalità, depressione, perdita progressiva delle facoltà intellettive (attenzione, concentrazione, memoria, capacità di coordinare), atteggiamento generale di rinuncia con tendenza all’isolamento e alla depressione.

Comportamento fisico

Soggetto che presenta un’astenia generale, dominata da una mancanza di vitalità e di adattamento, stanchezza continuata, nessuna autodifesa fisica e morale, lassitudine generale, insonnia, incubi notturni, angoscia

Manifestazioni morbose

  • Astenia psicofisica, convalescenza.

  • Convalescenza post-operatoria.

  • Diminuzione delle difese immunitarie, immunodepressione.

  • Postumi di traumi fisici e psichici.

  • Processi infiammatori e infettivi a lenta risoluzione.

  • Processi infiammatori e infettivi recidivanti con scarsa risposta al trattamento farmacologico.

  • Leucopenia.

  • Sindrome depressiva.

 

DIATESI V

Sindromi di disadattamento

 

Completano il quadro diatesico due sindromi di disadattamento, che non sono vere diatesi ma insorgono per difficoltà di adattamento delle ghiandole endocrine agli stimoli ipofisari.

ASSE IPOFISO-GENITALE – Zn Cu

 

I biocatalizzatori di base sono Zinco-Rame, normalizzano il rilascio ormonale ipofisi-gonadi.

Manifestazioni morbose

  • Ritardo di sviluppo locale e generale.

  • Impotenza sessuale funzionale.

  • Disfunzioni ovariche.

  • Disfunzione del mestruo, amenorrea, dismenorrea.

 

ASSE IPOFISO-PANCREATICO – Zn Ni Co

 

I biocatalizzatori di base sono Zinco-Nichel-Cobalto, normalizzano il rilascio ormonale del pancreas.

Manifestazioni morbose

  • Bulimia.

  • Astenia improvvisa.

  • Malessere a digiuno, prima dei pasti, crisi ipoglicemiche con fame, sete e nervosismo, migliorati con l’assunzione di alimenti zuccherati.

  • Sonnolenza post prandiale.

  • Alterazioni del metabolismo glucidico e lipidico.

Oligoelementi complementari

 

Alluminio (Al)

Oligoelemento non essenziale

Azione

Correlato allo sviluppo intellettivo e dell’apprendimento.

Indicazioni

Ritardo nello sviluppo e nell’apprendimento del bambino.

Regolatore del sonno.

Bismuto (Bi)

Oligoelemento non essenziale

Azione

Attivo nei confronti di alcune infezioni delle mucose

Indicazioni

Affezioni otorinolaringoiatriche, faringiti, tonsilliti acute e croniche.

Cobalto (Co)

Oligoelemento essenziale

Azione

Azione simpaticolitica a livello dei recettori vascolari.

Essenziale per la biosintesi della vitamina B12 (Cianocobalamina) e regolatore del sistema neurovegetativo.

Indicazioni

Disturbi vasomotori: acufeni, vertigini, cefalee vasomotorie, acrocianosi e geloni. Antispasmodico vascolare arterioso.

Disturbi gastrointestinali: spasmi intestinali, colon irritabile.

Cromo (Cr)

Oligoelemento essenziale

Azione

Biologicamente attivo in forma trivalente favorisce la captazione del glucosio da parte dell’insulina.

Indicazioni

Disturbi del metabolismo glucidico: diabete, obesità.

Disturbi del metabolismo lipidico: ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, malattie cardiovascolari.

 

Fluoro (F)

Oligoelemento essenziale

Azione

Costituente dell’idrossiapatite per la formazione del tessuto osseo e dei denti.

Indicazioni

Disturbi legati all’utilizzazione del calcio: carie dentarie, lassità dei legamenti articolari, osteoporosi.

 

 

Fosforo (P)

Oligoelemento complementare

Azione

Svolge un’azione equlibrante neuro-tonica,

Indicazioni

Distonia neurovegetativa e spasmofilia, disturbi della memoria.

Iodio (I)

Oligoelemento complementare

Azione

Regolatore catalitico della ghiandola tiroidea.

Indicazioni

Coadiuvante terapeutico delle disfunzioni tiroidee: distrofie tiroidee (sia iper che ipo), obesità su base tiroidea, dismenorree, ipertensione arteriosa, magrezza e ipereccitabilità.

Litio (Li)

Oligoelemento complementare

Azione

Modula il rilascio dei neuro-trasmettitori delle cellule nervose (triptofano, serotonina).

Indicazioni

Sindromi ansioso-depressive con alterazione dell’umore e del comportamento: angoscia, insonnia, algie muscolo-tensive.

 

Magnesio (Mg)

Oligoelemento complementare

Azione

Presente nella miocellula del tessuto muscolare con funzioni di regolatore dell’eccitabilità muscolare.

Indicazioni

Spasmofilie della muscolatura liscia: spasmi intestinali, coliche biliari.

Distonie neurovegetative: colon irritabile, cefalee vasomotorie, ansia e forme nevralgiche artrosiche.

Molibdeno (Mo)

Oligoelemento essenziale

Azione

Partecipa alla formazione di molibdo-enzimi necessari al catabolismo delle purine, aldeidi, derivati pirimidinici e aminoacidi solforati.

Indicazioni

Disintossicante epatico, intolleranze alimentari verso aminoacidi solforati (metionina e cisteina).

Favorisce l’utilizzazione del ferro e la ritenzione del fluoro.

Potassio (K)

Oligoelemento complementare

Azione

Regolatore dell’omeostasi idro-salina.

Indicazioni

Affezioni legate ad alterazioni del ricambio idrico.

Edema degli arti inferiori, ritenzione idrica, aumento ponderale da accumulo.

Nichel (Ni)

Oligoelemento essenziale

Azione

Regolatore delle funzioni pancreatiche.

Indicazioni

Disfunzioni pancreatiche con insufficienza digestiva enzimatica con feci grasse, meteorismo, aerofagia, sonnolenza post prandiale.

Rame (Cu)

Oligoelemento essenziale

Azione

Immagazzinato sotto forma di ceruloplasmina, globulina, il rame partecipa alla formazione di molti enzimi ossidasi che intervengono nel metabolismo energetico, del ferro, della sintesi di cheratina, elastina e collagene.

Indicazioni

Stimola le difese immunitarie, utile nelle infezioni virali e stati infiammatori.

Coadiuvante nelle anemie sideropeniche (gravidanza, allattamento).

Affezioni cutanee e di natura allergica.

Selenio (Se)

Oligoelemento essenziale

Azione

Azione antiossidante, partecipa alla formazione dell’enzima glutatione perossidasi riducendo i perossidi organici (radicali liberi).

Indicazioni

Utile coadiuvante di affezioni degenerative cardiovascolari, neurologiche, reumatiche, muscolari e digestive.

Silicio (Si)

Oligoelemento essenziale

Azione

Favorisce il legame del collageno ai mucopolisaccaridi del tessuto connettivale, i processi di mineralizzazione delle ossa, della cartilagine e del tessuto congiuntivele (congiuntivite).

Indicazioni

Alterazioni del tessuto connettivale.

Alterazioni della cartilagine articolare: gonartrosi, artrosi scapolo-omerale, coxartrosi.

 

Zinco (Zn)

Oligoelemento essenziale

Azione

Costituente di molti sistemi enzimatici presenti nelle ghiandole endocrine e gonadi; svolge azione catalitica a livello ipofisario.

Indicazioni

Affezioni cutanee.

Regolatore ormonale, stimola i processi di crescita, menopausa.

Insufficienza dello sviluppo e della funzionalità degli organi genitali.

Zolfo (S)

Oligoelemento complementare

Azione

Componente di alcuni aminoacidi, azione detossicante per formazione di gruppi tiolici (contenenti zolfo), funzione plastica.

Indicazioni

Disfunzioni epatiche.

Disturbi reumatici e dell’apparato respiratorio.

Affezioni cutanee, alterazioni degli annessi cutanei.

Riferimenti bibliografici dell’autore
Carbone R Compendio delle terapie naturali minori. Edizione ED srl, Roma, 2004.

Omeopatia
Litoterapia Dechelatrice