Litoterapia Dechelatrice

admin
By admin maggio 1, 2014 08:30

mineraliLa litoterapia è nata in Francia nel 1974 per opera di Claude Bergeret e Max Tétau, impiega minerali e rocce diluite e dinamizzate col metodo omeopatico, la sua azione si svolge regolarizzando le reazioni metaboliche bloccate a livello enzimatico favorendo la catalisi.
Alcuni metalli cationici, magnesio, ferro, calcio, manganese, cromo, zinco, sono deputati in molti processi enzimatici in qualità di catalizzatori. Data la loro natura cationica, rappresentata da una valenza elettro-positiva, possono essere chelati, in altre parole sequestrati, da alcune sostanze organiche, inorganiche o scarti metabolici per affinità elettrochimica.
Il meccanismo di azione della Litoterpia, si esplica con la dechelazione di cationi e minerali, rendendoli disponibili a livello cellulare e molecolare per espletare le funzioni biochimiche metaboliche. La litoterapia viene definita dechelatrice perché ha come obiettivo terapeutico la liberazione di alcuni metalli e metalloidi bloccati con un processo di chelazione nell’organismo.
I processi di chelazione di ioni metallici sono frequenti e dovuti a cause ambientali alimentari, costituzionali e farmacologiche.

Costituzioni Litoterapiche

Dagli studi di Bergeret e Tétau sono riscontrabili alcuni tipi costituzionali, che rispondono al trattamento con Litoterapici.
Non si tratta di vere e proprie costituzioni dovute a carenze di minerale corrispondente, bensì, rappresentano una tipologia sindromica che rispondono a trattamenti con famiglie di minerali corrispondenti. Quindi, in litoterapia distingueremo tre tipologie:

  • Tipo Granitico [Elemento il Silicio, Granite D8 (roccia costituita da Feldspato, Mica e Quarzo)]:
  • Tipo Magnesiaco [Elemento il Magnesio, Diopside D8 (Silicato di magnesio e calcio)];
  • Tipo Mercuriale [Elemento il Mercurio, Cinabre D8 (Solfuro di mercurio)].

Preparazione e somministrazione dei Litoterapici

I rimedi litoterapici provengono da rocce e minerali diluiti e dinamizzati in soluzione acquosa, alla ottava decimale hahnemmaniana (8 DH), questa diluizione è stata prescelta in quanto rappresenta la diluizione limite, in cui viene conservata la struttura cristallina dell’unità originaria in unità di microcristalli dimostrata come più attiva, corrispondente in grandezza di un millimicron.

Le forme farmaceutiche di dispensazione sono fiale per somministrazione sublinguale o granuli, da somministrare una fiala ogni sera se si utilizza un solo prodotto o a sere alterne se i prodotti sono associati.

 

Elenco Litoterapici e loro impiego

Minerale

Nome chimico

Azione terapeutica

Adulaire

allumo-silicato di potassio

adenoma

Apatite

pirofosfato di calcio

artrosi lombare, osteoporosi

Argent natif

argento

anti-infettivo, reumatismi

Azurite

carbonato basico di rame

iposurrenalismo, artrite infiammatoria

Barytine

solfato di bario

ipertensione arteriosa, sclerosi

Betafite

titanato di uranio

diabete

Blende

solfato di zinco

diabete, varici

Bornite

solfato di ferro e rame

colibacillosi, anti-infettivo

Calcaire de Versailles

carbonato di calcio

decalcificazioni, artrosi

Chalcopyrite

rame con tracce d’oro

decalcificazioni, anti-infiammatorio nelle artrosi

Cynabre

solfuro di mercurio

disturbi vascolari e insufficienza epatica

Conglomérat

roccia con silice

eczema

Diopside

silicato di magnesio e calcio

rimineralizzante, specie per bambini

Dolomite

carbonato di calcio e magnesio

Ipomagnesie, mancanza di magnesio

Erythrite

arsenicato di cobalto

anemie, vasculopatie, emorroidi

Feldspath quadratique

allumo-silicato di calcio e sodio

artrosi

Cynabre

solfuro di mercurio

disturbi vascolari e circolatori

Fluorite

fluoruro di calcio

tiroide e ipofisi, prevenzione carie

Galène

solfuro di piombo

sindrome prediabetiche

Garniérite

silicato idrato di nichel e magnesio

asma, insufficienza digestiva

Glauconie

allumo-silicato di ferro

squilibri neuro-vegetativi, insonnia, ansia, obesità

Graphite

carbone

eczemi

Grès rose

granelli di sabbia

costipazione

Hematite

ossido ferrico

anemie

Iodargyrite

ioduro d’argento

regolatore tiro-surrenalico, reumatismi, obesità

Jaspe vert

quarzo

equilibratore vescicole biliari

Lazulite

fosfato basico di alluminio e magnesio

insufficienza epatica

Lepidolite

litio

depressioni nervose endogene

Marbre saccharoïde

carbonato di calcio

gastriti e dispepsia

Obsidienne

lava con silice

artrosi cervicale

Or natif

oro puro

anti-infiammatorio, insufficienza cardiaca

Orpiment

solfuro di arsenico

coxartrosi, anti-infiammatorio

Pyrite de fer

solfuro di ferro

colibacillosi

Pyrolusite

ossido di manganese

afte, reumatismi, sistema vascolare

Rhodonite

silicato di manganese

sistema neurovegetativo, insonnia

Salgemma

cloruro di sodio

ritenzione idrica

Silica marina

sabbia di mare

rimineralizzante, asma e rinite allergica

Stibine

solfuro di antimonio

bronchite

Tourmaline lithique

minerale di litio

stati depressivi

Trachyte

feldspato potassico

tosse spasmodica

Ulexite

borato idratato di calcio e sodio

afte

Uraninite

ossido di uranio

ossiuri, diabete

Riferimenti bibliografici dell’autore
Carbone R Compendio delle terapie naturali minori. Edizione ED srl, Roma, 2004.

Oligoterapia
Gemmoterapia