Fiori di Bach

admin
By admin maggio 1, 2014 08:45

La floriterapia è nata in Inghilterra negli anni trenta per opera del medico Edward Bach.

La sua teoria si basa sulla convinzione, che la malattia è il risultato di un conflitto tra l’Anima e la Mente, e non potrà mai essere estirpata se non con un lavoro di tipo spirituale e mentale.

Egli scoprì 38 fiori con proprietà terapeutiche, e ne ricavò altrettante essenze conosciute in medicina naturale con il nome di “Fiori di Bach”.

Con il metodo della floriterapia di Bach si possono curare disturbi di tipo relazionale che coinvolgono lo stato d’animo come: paura, timidezza, insicurezza, preoccupazione, solitudine, ipersensibilità che talvolta costituiscono una vera e propria insofferenza alterando l’equilibrio della persona.

Posologia e somministrazione

L’assunzione dei fiori avviene principalmente per via sublinguale e in gocce diluite. Fatta eccezione per il Rescue Remedy che può essere assunto direttamente dalla stock bottle, gli altri fiori vengono assunti in forma diluita facendo preparare la soluzione in farmacia.

Preparazione

In un flacone da 30 ml di vetro opaco farmaceutico, con contagocce, si aggiungono 10 ml di brandy e 20 ml di acqua pura di sorgente (in alternativa utilizzando acqua minimamente mineralizzata con residuo fisso inferiore a 50 mg/litro); alla soluzione così ottenuta si aggiungono 2 o 3 gocce di fiore prelevato dalla stock bottle, agitando il flacone in modo da far diffondere omogeneamente la soluzione.

Ovviamente aggiungeremo 2 o 3 gocce di ogni essenza fino ad un massimo di cinque o sei fiori per tre gocce di ogni essenza che vogliamo assumere. Durante la preparazione evitare il contatto diretto e utilizzare recipienti inerti di vetro: becher e bacchetta.

Nel caso di bambini o di persone intolleranti, il brandy può essere sostituito con aceto di mele.

Somministrazione

La somministrazione si può eseguire in due modi:

  • somministrazione dal bicchiere: consiste nel versare due gocce di soluzione in un bicchiere di acqua da 200 ml, da sorseggiare durante la giornata, questo metodo è utile nel caso di stati acuti e traumatici;
  •  somministrazione a gocce: consiste nel assumere per via sublinguale quattro gocce quattro volte al giorno.
AgrimonyAspenBeechCentauryCeratoCherry PlumChestnut BugChicoryClematisCrab AppleElmGentianGorseHeatherHollyHoneysukleHornbeamImpatiensLarchMimulusMustardOakOlivePineRed ChestnutRock RoseRock WaterScleranthusStar of BethlehemSweet ChestnutVervainVineWalnutWater VioletWhite ChestnutWild OatWild RoseWillow

AGRIMONY

(Agrimonia eupatoria L.)

schede-fiori-di-bach-agrimony

Descrizione botanica: Agrimonia eupatoria L.
Famiglia: Rosaceae.
Sinonimi: Quercia marina, Vareck.
Nome inglese: Agrimony, Liverwort, Stickwort.
Nome francese: Aigremoine eupatoire.
Habitat: pianta perenne, diffusa in Europa, alta da 30 a 60 cm, cresce prevalentemente nei campi, sulle scarpate e nei maggesi; fiorisce fra giugno e agosto, con piccoli fiori gialli disposti su una lunga spiga conica; ogni singolo fiore dura solo tre giorni.
Signature: il nome Agrimony deriva dal greco agros, e monias, selvatico; eupatoria  da Mitridate Eupator, re del Ponto. Il fiore di colore giallo, esprime il concetto psicologico dell’ombra che apporta la luce nell’oscurità dell’inconscio.

Descrizione di Bach
“Per le persone gioviali e allegre, piene di buon umore, che amano la pace e che si affliggono con le discussioni e le liti, tanto da essere disponibili a concedere molto per evitarle. Anche se tormentati da disturbi o inquieti e agitati, nascondono le preoccupazioni dietro il loro umorismo e le celie, sono considerati buoni amici da frequentare.
Spesso sono dediti ad alcool o droghe in eccesso, per stimolarsi e aiutarsi a sopportare le loro prove con allegria”.

schede-fiori-di-bach-agrimony2Categoria archetipa
Ipersensibilità alle influenze e alle idee. Fiore costituzionale, categoria guaritori.

Alterazione caratteristica
Agrimony cerca di celare i pensieri angoscianti e l’agitazione interiore esternando una facciata di allegria e spensieratezza.

Tipologia
Afflitto da tormento interiore, tende a mascherare il proprio conflitto, è adirato ma non lo dimostra, si rapporta col prossimo attraverso il buon umore, dà poco peso alle malattie, ha voglia di evadere, spesso sprofonda nel lavoro per dimenticare le proprie paure, è sensibile, teso e nervoso. Nelle donne si manifesta con un’accentuata gentilezza; gli uomini sono spigliati con un forte senso dell’umorismo.
Agrimony rappresenta colui che in presenza degli altri è sempre sorridente e gioviale, mentre dentro di sé i sentimenti sono completamente diversi.
Sminuisce e minimizza le difficoltà, preferisce fuggire e non mettersi in discussione. È allegro disponibile, molto ricercato, spesso malato di presenzialismo.
Dietro questo aspetto lieto si nasconde il terrore di essere abbandonato e isolato. ha paura della solitudine, per questo si sforza di apparire sempre di buon umore.  Agrimony col  suo atteggiamento di proporre un’immagine  immagine positiva, soffoca le proprie emozioni, stati d’animo e desideri. Tutto ciò gli procura ansia ed angoscia e per sopprimerle si riempie la vita di impegni circondandosi di persone che gli risparmiano il peso della solitudine.
Utilizza droghe, alcool e fumo, come strumenti per indurre momentaneamente in lui un senso di felicità e rilassatezza.
Sono persone che hanno paura di mostrare i propri sentimenti, sono sorridenti anche quando soffrono, portano spesso la maschera del clown.
Sintomi generali: predisposizione all’alcool, alle droghe, al consumo di farmaci.
Sintomi fisici: ansia e depressione, tormento interiore.

Affermazioni ricorrenti
“I litigi in famiglia mi creano dispiacere e mi fanno ammalare”.
“Sono disposto a scendere a compromessi per amor di pace”.
“Sin da ragazzo facevo divertire gli altri”.
“Ai problemi spiacevoli della vita antepongo la distrazione”.

Rimedi complementari
Guaritori: Centaury.  Assistenti: Holly e Walnut.

Azione
Il fiore sviluppa l’armonia della personalità, ridando pace ed equilibrio. Insegna ad ascoltare la voce interiore, permettendo di riconoscere il proprio disagio emotivo e di raggiungere la pace con se stesso.
Agrimony insegna che la vera pace interiore deriva dal riconoscimento del dolore e dalla conseguente accettazione, che consente di trasformarlo, invece di mascherarlo esteriormente.
Utile nelle disintossicazioni da droghe, fumo e alcool.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano germogli e fiori macerati col metodo dell’infusione solare.

ASPEN

(Populus tremula L.)

schede-fiori-di-bach-aspen
Descrizione botanica: Populus tremula L.
Famiglia: Salicaeae.
Sinonimi: Pioppo, pioppo tremulo.
Nome inglese: Aspen.
Nome francese: Tremble.
Habitat: albero comune in Europa, cresce nei boschi, in presenza di umidità e paludi,  albero snello, supera raramente l’altezza di 2,40 metri. Gli amenti maschili, penduli, e quelli femminili, compaiono in marzo o aprile, prima della foliazione.
Signature: albero dal legno non  molto duro, che trema, da cui il nome tremula. Questo albero trema anche in assenza di vento riproducendo un sibilo di fondo, dovuto al movimento del tronco non molto rigido, che incute paura in chi si sofferma sotto di esso.     

Descrizione del dr. E. Bach
“Paure sconosciute vaghe, per le quali  non può essere data alcuna spiegazione. Il paziente può essere terrorizzato  di qualcosa di terribile che sta per succedergli. Queste paure ingiustificabili vaghe possono perseguitarlo sia di notte che di giorno. Temono di esprimere agli altri le loro paure”.

schede-fiori-di-bach-aspen2Categoria archetipa
Per coloro che hanno paura. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Angoscia, paure vaghe immotivate, inspiegabili,  teme che possa succedergli chissà quale disgrazia.

Tipologia
Sono persone che hanno paure vaghe, indefinite: del buio, di viaggiare in aereo, si attendono terrorizzate cose gravi e terribili, ma non identificano la causa. Sono ossessionate di notte e di giorno. Hanno paura persino  di parlarne con altri. Sono persone che vivono col timore e paura di aggressioni, rapine, stupri, catastrofe, animali, ragni, serpenti; sono dotate di particolare sensibilità e predisposizione per il paranormale, superstizione e occultismo.
Aspen è il fiore delle paure indefinite, apprensione improvvisa o ansia che il soggetto non riesce a spiegarsi. È il fiore per coloro che mostrano capacità medianiche e interesse per l’esoterismo, che hanno sensazioni di disagio in certi luoghi o cambiamenti d’umore indotti dall’ambiente e una sensibilità eccessiva alla negatività.
Sintomi generali: sono soggetti nervosi,  malinconici, sensibili, passionali, introversi, sognano animali, persone morte; soffrono di incubi, sonnambulismo e sensazioni di precipitare nel vuoto.
Sintomi fisici: sviluppano sintomi di isterismo,  collera, gastralgie, cefalee, tremori sudorazioni e brividi.

Affermazioni ricorrenti
“Sono ossessionato da pensieri terribili”.
“Convivo con incubi”.
“Piccoli rumori di notte mi inquietano”.
“Sono ansioso  che possa succedere qualcosa”.
“Mi sento pervaso da una paura improvvisa e immotivata”.

Rimedi complementari
Guaritori: Mimulus e Rock Rose. Assistenti: Cherry Plum e Red Chestnut.

Azione
Riporta ad uno stato di tranquillità realistica, riequilibrando l’angoscia e aiutando ad affrontare l’ignoto.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano gemme e rami con amenti, macerati col metodo della decozione.

BEECH

(Fagus sylvatica L.)

schede-fiori-di-bach-beech
Descrizione botanica: Fagus sylvatica L.
Famiglia: Fagaceae.
Sinonimi: Faggio.
Nome inglese: Beech.
Nome francese: Hêtre.
Habitat: albero comune e diffuso in Europa, cresce su terreni sabbiosi, può raggiungere i 30 metri, in Inghilterra veniva chiamato “madre della foresta”.
Signature: albero con rami  disposti a forma di ombrello, molto fogliosi, crea  ombra intorno e sotto, impedendo alle altre forme vegetative di svilupparsi nelle sue vicinanze, come se volesse allontanare gli altri.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per quelli che sentono la necessità vedere più bontà  e bellezza in tutto quello che li circonda,  e, benché molte cose appaiono  sbagliate, hanno la capacità di discernere quanto c’è di buono. Beech rende più tolleranti, indulgenti e comprensivi  del modo diverso in cui ogni individuo percorre la propria strada per raggiungere la  perfezione finale”.

schede-fiori-di-bach-beech2Categoria archetipa
Preoccupazione eccessiva per il benessere degli   altri. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Comportamento critico verso gli altri, intollerante, esprime poca compassione e simpatia.

Tipologia
Il soggetto Beech manifesta intolleranza per le persone che non  la pensano esattamente come lui. Assume un atteggiamento ipercritico, agisce con indipendenza e decisione.
Tipo collerico, personalità onesta e retta, coerente fra pensiero ed azione; nervoso, utopista, altero, sentimentale e passionale, perfido.

Il tipo Beech è altezzoso ed intollerante sempre pronto ad ergersi a giudice. Abile nel cogliere i difetti altrui: non trova nessuno che gli vada a genio. Ha una atteggiamento arrogante ed ipercritico verso tutto e tutti e di ciò che lo circonda vede solo il lato peggiore.
Beech è il fiore delle persone critiche verso gli altri, e  ogni loro piccola mania, la vive con fastidio. Beech è molto utile nelle intolleranze alimentari e nelle allergie. È il rimedio principale del rifiuto verso gli altri.
Il tipo Beech è una persona intollerante che non cerca né di capire né di accettare i difetti degli altri: invece di cercare i loro pregi, s’impegna a ricercare i loro difetti e a criticarli di conseguenza.
Interiormente ha sviluppato un innato senso di inferiorità e una ipersensibilità che proiettata verso gli altri con la necessità di essere critico. Sono persone  cresciute in ambienti rigidi, di tipo militare, in cui venivano sottoposte a giudizi severi, per cui dovevano comportarsi esattamente come essi si aspettava da loro, A causa di questa rigida educazione,  si sentono intimamente vulnerabili ed insicure, per cui reagiscono condannando e criticando gli altro e il loro comportamento.
Sintomi generali: intolleranza, allergie e ipersensibilità verso oggetti  e  persone.
Sintomi fisici: può sviluppare sintomi di rigidità mentale e fisica: mal di schiena, rigidità della mascella, bruxismo, allergie.

Affermazioni ricorrenti
“Perseguito coloro che sbagliano”.
 “Sono privo di tolleranza e pazienza”.
“Sono inflessibile e  intransigente”.
“Le debolezze altrui mi saltano agli occhi con  facilità”.

Rimedi complementari
Guaritori: Chicory e Vervain. Aiuti: Rock Water e Vine.

Azione
Beech sviluppa l’autoanalisi e l’introspezione; insegnandoci ad essere tolleranti e ad accettare i difetti e le differenze dell’altro, inoltre, insegna a vedere il buono in ogni situazione e in ogni persona. Sviluppa apertura mentale, comprensione  e tolleranza per gli altri, affettività reale  nei rapporti umani.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i rami con giovani getti, col metodo della decozione.

CENTAURY

(Centaurium umbellatum L.)

schede-fiori-di-bach-centaury
Descrizione botanica: Centaurium umbellatum L.
Famiglia: Genzianaceae
Sinonimi: Centaurea, Cacciafebbre, Biondella.
Nome inglese: Sea Oak, Seawrach.
Nome francese: Petite centaurée commune.
Habitat: pianta biennale, cresce in Europa su terreni secchi ad eccezione della Finlandia, Islanda e Norvegia. Cresce fino ad un’altezza di 35 cm in campi asciutti, ai margini delle strade e in zone disboscate, con  piccoli fiori rosa,  riuniti ad ombrello in cima allo stelo che fioriscono fra giugno e agosto e si aprono con il bel tempo.
Signature: il nome Centaury prende origine dalla mitologia, dal Centauro Chirone che  curò un piede ferito di Ercole. Il fiore simbolo della sottomissione si mimetizza aprendosi e chiudendosi col caldo e col freddo, come se volesse non apparire.

Descrizione del dr. E. Bach
“ Sono persone buone, tranquille, gentili e  ansiose di servire gli altri. Esse abusano e pretendono troppo dalle loro forze. Il loro desiderio di assecondare il prossimo è così sviluppato che diventano più servi che  aiutanti volenterosi.
Il loro buon carattere li porta a fare di  più della propria parte di  lavoro, cosicché  essi  trascorrono  la propria particolare missione nella vita”.

schede-fiori-di-bach-centaury2Categoria archetipa
Ipersensibilità alle influenze e alle idee. Fiore costituzionale, categoria guaritori

Alterazione caratteristica
Debolezza di caratteriale, non riesce a dire di no, ansioso di piacere, disponibile al servizio degli altri.

Tipologia
Soggetto debole di volontà, desideroso di venire incontro ai bisogni degli altri, disponibile, preoccupato di piacere agli altri; in genere viene sfruttato. Carattere debole e mite, mentalità convenzionale.
Centaury è il fiore di coloro che preferiscono accontentare più gli altri che se stessi; a qualsiasi richiesta dicono sempre di sì. Il soggetto Centaury diventa un servitore anche quando non vorrebbe esserlo. Sono persone che hanno paura di decidere delle scelte inerenti la propria vita.
Sono persone che si sentono svuotate e prive di forza vitale: hanno spesso l’illusione di essere amorevoli e di aiuto, ma in realtà non hanno sufficiente forza di volontà per opporsi allo sfruttamento da parte degli altri. Esse si sforzano di compiacere gli altri per avere una conferma di sé, sono usate e sfruttate perché non hanno la forza di rifiutare; pertanto, rafforzano l’ascendente dello sfruttatore, rallentando, in questo modo, la propria crescita spirituale, e lo sviluppo di coloro che hanno bisogno di trarre insegnamento.
Sintomi generali: ha paura di non essere accettato, si rende servile e sottomesso.
Sintomi fisici: tipo  astenico, stanco, con scarse energie vitali, viso bianco con occhiaie.

Affermazioni ricorrenti
“Non riesco a dire di no”.
“Mi faccio convincere facilmente anche per cose che non desidero”.
“Assisto i miei familiari, ma non ho tempo da dedicare a me stesso”.
“Se  incontro una persona amica mi chiedo cosa si aspetta da me e non penso a cosa vorrei io da lei”.
“Ho l’impressione che gli altri si approfittino di me”.

Rimedi complementari
Guaritori: Agrimony. Assistenti: Holly e Walnut.

Azione
Il fiore sviluppa un maggiore senso di difesa, aiuta a riconoscere le proprie esigenze e i propri bisogni e a rendersi utile agli altri in base alla propria forza. Sviluppa capacità di autodeterminazione, saggezza, certezza, autodecisione e la capacità di vivere i rapporti interpersonali in modo equilibrato.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano  i fiori macerati col metodo dell’infusione solare.

CERATO

(Ceratostigma willmottiana L.)

schede-fiori-di-bach-cerato
Descrizione botanica: Ceratostigma willmottiana L.
Famiglia: Plumbaginaceae.
Sinonimi: Piombaggine.
Nome inglese: Cerato.
Nome francese: Cerato.
Habitat: pianta perenne originaria dell’Asia e dell’Himalaya, di circa 60 cm di altezza,  non cresce allo stato selvatico,  viene coltivato nei giardini inglesi, presenta fiori tubiformi, lunghi circa 1 cm, che vengono raccolti in agosto e settembre.
Signature: il nome  cerato deriva dal greco keros, corno e dall’inglese wilmotta, benemerita. Il fiore di colore azzurro, con piccoli uncini  a forma di corno disposti sui petali, esprime  la tendenza ad  aggrapparsi  agli altri  tramite la parte più espressiva e bella di sé stesso.

Descrizione del dr. E. Bach
“ Per quelli che hanno un’insufficiente fiducia in se stessi e per  le proprie decisioni. Essi cercano costantemente consiglio da altri e vengono spesso fuorviati”.

schede-fiori-di-bach-cerato2Categoria archetipa
Per coloro che soffrono di incertezza e insicurezza. Fiore costituzionale, categoria guaritori.

Alterazione caratteristica
Esprime poca fiducia nelle proprie opinioni e decisioni, chiede continuamente consigli agli altri senza applicarli.

Tipologia
Soggetti influenzabili con mancanza di fiducia in se stessi, alla continua ricerca di consigli. Fiduciosi nelle autorità, si vestono alla moda, tendono ad imitare gli altri, si esprime con citazioni e massime. Ammirano le persone decise e sicure di sé.
Il soggetto Cerato ha paura di sbagliare, teme l’errore, non ascolta la voce interiore delle proprie intuizioni.
Cerato è il rimedio delle persone che dubitano della propria abilita, che mancano di volontà e di coraggio nelle loro convinzioni; non si fidano di sé stessi e chiedono sempre consiglio agli altri. Non si fidano della propria intuizione e del proprio giudizio. Sono spesso superficiali, instabili, di scarsa personalità, si comportano da persone sciocche o ingenue.
Fiore utile per chi è indeciso e barcollante tra due possibilità; sente il bisogno di ricevere consigli su cosa scegliere, pur sapendo che si farà tranquillamente a meno della sua opinione.
Sintomi generali: confusione mentale, disturbi sensoriali della mobilità e della coordinazione.
Sintomi fisici: miopia, sordità, anosmia, tachicardia, ansia e insonnia.

Affermazioni ricorrenti
“Cambio spesso opinione”.
“Mi ritrovo a condividere tutto quello che dicono gli altri”.
“Cosa farebbe lei al mio posto”.
“Non riesco a fare una sintesi”.
“Seguo la moda e la pubblicità”.

Rimedi complementari
Guaritori: Gentian e Scleranthus. Aiuti: Gorse e Wild Oat. Assistenti: Hornebeam.

Azione
Cerato è il rimedio per acquisire  più fiducia in se stessi, sviluppare certezza, per seguire gli impulsi interiori ed assecondare le proprie intuizioni; aiuta ad andare contro corrente. Sviluppa certezza e saggezza. È un rimedio che sblocca i sogni e aiuta ad ascoltare la propria voce interiore. Somministrato insieme a Chestnut Bud e Wild Oat rappresentano la triade della crescita interire e della spiritualità.

Metodo di Preparazione.
Si utilizzano i fiori macerati col metodo dell’infusione solare.

CHERRY PLUM

(Prunus cerasifera L.)

schede-fiori-di-bach-cerry-plum
Descrizione botanica: Prunus cerasifera L.
Famiglia: Rosaceae.
Sinonimi: Visciola, Mirabolano, Ciliegio.
Nome inglese: Cherry Plum.
Nome francese: Prunie cerise, Prunier Myrabolan.
Habitat: albero originario dell’Asia, cresce in Europa, nei giardini e nei campi,  albero o arbusto alto da 3 a 4 metri, con  fiori bianchi che si aprono tra febbraio e aprile, prima della foliazione.
Signature: fiore di colore bianco simbolo della femminilità e della purezza.  I fiori piccoli, raggruppati  fra loro, osservati da lontano, appaiono come uno spazio bianco compatto,  occupato e controllato, senza la percezione di una forma definita.

Descrizione del dr. E. Bach
“La paura della mente sovraffaticata e di perdere la ragione, di  fare cose terribili e spaventose, che riconosce  essere sbagliate, che tuttavia vengono  alla mente con l’impulso di  farle”.

schede-fiori-di-bach-cerry-plum2Categoria archetipa
Per coloro che hanno paura. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Paura di lasciarsi prendere dal panico e commettere azioni incontrollabili. Difficoltà a rilassarsi.

Tipologia  
Soggetto estroverso, emotivo,  desideroso di emozioni; ha paura di  diventare matto, di  perdere  la ragione ed agire in modo irrazionale. Ha paura di perdere la padronanza di se stesso, di guidare l’auto, delle discussioni litigiose, delle delusioni.
Cherry Plum è il fiore dei soggetti con tendenza alle ossessioni e alle fissazioni. Scoppi d’ira improvvisi e incontrollati; lentezza e meticolosità da eccessivo autocontrollo, tendenza all’esaurimento nervoso con possibili atteggiamenti paranoici. Per coloro che si sentono diversi o fuori luogo e hanno la sensazione di essere “una polveriera sul punto di esplodere. Rappresenta il fiore per le persone che nei momenti di crisi hanno paura di perdere il controllo.  
Sintomi generali. soggetto luesinico, pallido, ha paura delle infezioni, ha una eccessiva cura per l’igiene e la pulizia.
Sintomi fisici: Cherry plum è utile nell’incontinenza ed enuresi notturna nell’infanzia ed è legato a  rituali ossessivi e ripetitivi.  

Affermazioni ricorrenti
“Ho paura di perdere il controllo”.
“Sto perdendo il controllo della situazione”.
“Sono tormentato da pensieri che non riesco a controllare”.
“Sono impulsivo e temo di compiere azioni incontrollabili”.
“Ho paura di diventare pazzo”.

Rimedi complementari       
Guaritori: Mimulus e Rock Rose. Assistenti: Aspen e Red Chestnut.

Azione
Acquista maggiore calma e controllo delle situazioni. Coraggio, equilibrio, autocontrollo e serenità.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i rami fioriti col metodo della decozione.

CHESTNUT BUD

(Aesculus ippocastanum L.)

schede-fiori-di-bach-chestnut-bud
Descrizione botanica: Aesculus ippocastanum L.
Famiglia: Hippocastanaceae.
Sinonimi: Ippocastano, Castagno d’India..
Nome inglese: Chestunut Bud, Horse Chestnut.
Nome francese: Marronier d’Inde, Bourgeon de Marronier.
Habitat: originario dei monti della Penisola bacanica, diffuso in Europa come pianta ornamentale in ville e giardini, viene utilizzato anche per l’essenza ricavata dai fiori, e dalle gemme, che nascondono contemporaneamente fiori e foglie.
Signature: Aesculus ippocastano corrisponde al  nome popolare di castagna equina. Utilizzata dai  turchi come alimento per i cavalli  affetti da bolsaggine (malattia dei cavalli che si manifesta con fiacchezza, indecisione, mancanza di vigore e rallentamento dei riflessi).

Descrizione del dr. E. Bach     
”Per quelli che non traggono vantaggio dall’esperienza e dall’osservazione e richiedono  più tempo degli altri ad  apprendere dalle esperienze della  vita. Quindi, si rammaricano di ripetere lo stesso errore in varie occasioni, allorquando dalla sola osservazione di altri si sarebbero  potuto evitare gli stessi sbagli”.

schede-fiori-di-bach-chestnut-bud2Categoria archetipa
Insufficiente interesse per il presente. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Persone che non fanno tesoro delle esperienze e che ripetono sempre gli stessi errori, indole superficiale, disattente e distratte.

Tipologia  
Persone apparentemente spensierate e serene, indecise, introverse, annoiate, impulsive e disattente, ripetitive e che compiono sempre gli stessi errori. Soggetto con riflessi ritardati, lento con difficoltà ad apprendere e  memorizzare.
Chestnut Bud insieme a Clematis rappresenta un’associazione utile per soggetti che non riescono a concentrarsi sufficientemente: sviluppa la concentrazione la capacità di memorizzazione.
Sintomi generali: tipo superficiale, distratto, può essere affetto da isterismo, paranoia, handicap mentale, inconsapevolezza. Si ammala continuamente senza sapere perché.
Sintomi fisici:  disturbi gastrici, acne, foruncolosi, surmenage mentali. Nell’infanzia, può manifestare ritardo di apprendimento e dello sviluppo.

Affermazioni ricorrenti
“Compio sempre gli stessi errori”.
“Sono sbadato, incapace, imprudente, dimentico facilmente tutto”.
“Ho difficoltà a memorizzare e ricordare i nomi e le cose importanti”.
Mi accusano spesso di non essere attento, di andare avanti col mio pensiero”.
“Non rifletto sulle esperienze passate e preferisco farne di nuove”.

Rimedi complementari
Guaritori: Clematis. Aiuti: Olive. Assistenti: Honeysukle, Mustard, White Chestnut e Wild Rose.

Azione
Sviluppa  l’attenzione, l’apprendimento  e il legame con la realtà, impara a riflettere e a costruire dall’esperienza.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano gemme e giovani rami, col metodo della decozione.

CHICORY

(Cichorium intybus L.)

schede-fiori-di-bach-chicory
Descrizione botanica: Cichorium intybus L .
Famiglia: Compositae.
Sinonimi: Cicoria selvatica.
Nome inglese: Chicory.
Nome francese: Chicorée sauvage.
Habitat: pianta perenne, pianta ampiamente ramificata, alta circa 90 cm, cresce su terreni calcarei, ghiaiosi e sul pietrisco, su campi non coltivati e su strade aperte, con  fiori azzurri a forma di stella, molto delicati, che appassiscono subito dopo essere stati raccolti.
Signature: pianta con fiore di colore violaceo, sensibile alla luce, con bordo dentellato, simbolo di aggressività. Il fiore di colore viola richiama il settimo chakra, della spiritualità, della missione, mentre la dentellatura esprime la sua parte terrena, il suo egoismo affettivo.  I fiori si schiudono al mattino, verso le ore sei e si chiudono nel pomeriggio, per significare che segue il ritmo della natura. È una pianta citata già 4000 anni a. C., nel papiro  di Ebers  e da Galeno nel suo formulario per la cura del fegato.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per quelli che sono molto attenti ai bisogni degli altri; tendono a mostrare eccessiva attenzione  per bambini, parenti, amici, e trovano sempre qualcosa da rimettere a posto. Correggono continuamente quello che  considerano sbagliato e sono felici di farlo. Desiderano avere vicino le persone che amano”.

schede-fiori-di-bach-chicory2Categoria archetipa
Preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri.  Fiore costituzionale, categoria guaritori.

Alterazione caratteristica
Personalità molto possessiva sia a livello conscio che inconscio, tende ad intromettersi e manipolare chi la circonda.

Tipologia
La personalità Chicory è critica ed egocentrica, piange con facilità, desidera essere guidata e consigliata dagli altri. Il soggetto Chicory sin da piccolo è costretto ad interpretare un ruolo che non gli compete. È definito il rimedio della sindrome della suocera.
Chicory è il fiore con caratteristiche genitoriali: della mamma che fa tutto per gli altri, sa come aiutare gli altri, è amorevole ed apprensiva.
È il genitore che fa tutto per i figli, prepara tutto in funzione dei figli, quando questi cresceranno ed ameranno per sviluppare la propria vita, allora Chicory si sentirà abbandonato e recriminerà affermando: “dopo tutto quello che ho fatto…. guarda come sono ingrati figli”.
Chicory esprime per gli altri un amore del tipo: io ti do e tu mi dai. In sostanza Chicory da affetto per ricevere affetto e vuole essere considerato al centro dell’attenzione, diventa aggressivo e fa diventare i figli Heather o Centaury.
Altri due fiori simili nella voglia di cambiare gli altri ed opposti fra loro sono: Vervain e Rock Water.  
Persona che vuole bene gli altri, ma  vuole essere contraccambiata. Si preoccupa per gli altri in maniera tale da poterli comunque anche controllare, gestire e manipolare.
Sintomi generali: colpevolizza gli altri esercitando una manipolazione affettiva.
Sintomi fisici: è un soggetto che può soffrire di intossicazioni, stitichezza, problemi linfatici, asmatici e sindrome isterica.

Affermazioni ricorrenti
“Raggiungo sempre gli obiettivi che mi prefiggo con le mie strategie”.
“Mi ritengo offeso se il mio consiglio non viene accettato, perché voglio il bene degli altri”.
“ Sento di fare molto di più di quello che gli altri fanno per me”.
“Il mio comportamento è finalizzato alle situazioni, non dico niente che non abbia un fine”.
“ Dopo tutto quello che ho fatto per te…”.

Rimedi complementari
Guaritori: Vervain: Aiuti: Rock Water e Vine. Assistenti: Beech.

Azione
Aiuta a sviluppare altruismo e compassione, sviluppa la spontaneità dei sentimenti e fa convivere meglio con i propri bisogni.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano  i fiori macerati col metodo dell’infusione solare.

CLEMATIS

(Clematis vitalba L.)

schede-fiori-di-bach-clematis
Descrizione botanica: Clematsi vitalba L.
Famiglia: Ranuncolaceae.
Sinonimi: Clematide vitalba.
Nome inglese: Clematis.
Nome francese: Clématite vigne blanche
Habitat: pianta perenne, rampicante legnoso, diffusa in Europa, cresce su terreni calcarei, sui pendii, nelle macchie e nei boschi, il  fusto raggiunge un’altezza di 12 metri. Il tempo della fioritura va da luglio a settembre, con  fiori odorosi costituiti da  quattro sepali color panna tendente al verde chiaro; in autunno i pistilli diventano filamentosi e argentati.
Signature: Clematis rappresenta l’unica pianta rampicante del sistema floreale di Bach. Ha  poche radici e si sviluppa legandosi agli alberi, dando la sensazione di vivere sospesa nell’aria. Durante l’inverno si ricopre di gomitoli  e filamenti  argentati, come se  volesse proteggersi dal freddo. È dannosa per le piante sulle quali si sviluppa perché le  priva dell’energia vitale solare.  Il fiore di colore bianco con quattro sepali disposti a croce e numerosi stami che si irradiano e si disperdono nel vuoto, simbolo della purezza e dispersione eterea.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per i  sognatori, gli addormentati, per coloro che non sono mai completamente svegli, senza grande interesse per la vita. Persone tranquille, non veramente felice delle loro circostanze attuali, vivono più nel futuro che nel presente; vivono nella speranza di tempi più felici, quando i loro ideali potranno realizzarsi. Durante le malattie non fanno  nessuno sforzo per ristabilirsi. In alcuni casi sperano nella morte per raggiungere una vita migliore, o di ritrovare una persona  cara”.

schede-fiori-di-bach-clematis2Categoria archetipa
Per coloro che hanno insufficiente interesse per il presente, distratti. Fiore costituzionale, categoria guaritori.

Alterazione caratteristica
Soggetto che sogna ad occhi aperti, vive proiettato nella fantasia e nel futuro. Persone che hanno bisogno di aggrapparsi agli altri.

Tipologia
Il soggetto Clematis appare distratto, addormentato, disattento; il bambino presenta lo sguardo perso nel vuoto, ha scarso istinto di conservazione. Temperamento artistico, tende a rappresentazioni romantiche ed irreali. Spesso si abbandona a forme di ossessione religiosa ed esistenziale.
Sono persone che fuggono dalla realtà e si rifugiano nel futuro, nelle astrazioni di quello che piacerebbe fare; vivono proiettandosi nell’immaginazione e nell’attesa dell’evento che possa appagare le loro aspettative. Sono persone che non vivono la realtà e la presenza nel sociale: sono assente, disattente, distratte fredde e isolate dal contesto sociale. È il fiore per coloro che hanno una fervida fantasia ed immaginazione e che non riescono a concretizzare le loro caratteristiche. È il fiore per eccellenza che facilita la concentrazione.
Sintomi generali: vuoto di memoria, astrazione dalla realtà, incapacità di vivere insieme agli altri e delle esperienze della vita quotidiana.
Sintomi fisici: accusa svenimenti, disturbi della vista e dell’udito, sonnolenza e scarsa memoria. Insufficiente circolazione periferica con mani e piedi freddi.

Affermazioni ricorrenti
“Ho voglia di dormire continuamente”.
“Ho una pessima memoria, spesso dimentico le cose fatte di recente”.
“Gli avvenimenti che succedono non mi interessano, vivo nel mio mondo”.
“Ho difficoltà a concentrarmi e seguire un dibattito”.
“Sin da bambino non mi sentivo presente e tuttora sogno ad occhi aperti”.

Rimedi complementari
Aiuti: Olive. Assistenti: Cestnut bad, Mustard, Honeysuckle, Wilde  rose, White chesnut; fa parte del Resque Remedy.

Azione
Fuga dalla fantasia, ritrovano allegria e si rapportano col presente, il rimedio aiuta a riportare il soggetto Clematis nella realtà facendo realizzare i propri sogni.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i fiori macerati col metodo dell’infusione solare.

CRAB APPLE

(Malus Sylvestris Pumila L.)

schede-fiori-di-bach-crab-apple

Descrizione botanica: Malus Sylivestris Pumila L.
Famiglia: Rosaceae.
Sinonimi: Melo selvatico, melo ornamentale.
Nome inglese: Crab Apple.
Nome francese: Pommier sauvage.
Habitat: pianta antichissima con più di mille varietà, originaria dell’Asia, diffusa in Europa,  con corona e rami terminali rostrati, cresce nelle fratte, nelle macchie e nelle radure, con petali a forma di cuore,  esternamente di colore rosa intenso, internamente di una sfumatura rosa pallido che fioriscono in  maggio.
Signature: pianta  già presente nei testi greci del VI secolo a. C., con fiori bianchi, simbolo di purezza e di pulizia. La mela simboleggia la trasgressione di Eva, la vergogna fisica e la sporcizia interiore. Il colore rosa dei petali simboleggia la carne e il colore bianco la purezza; il significato simbolico esprime il concetto che si può essere puri interiormente e gioire dei piaceri esteriori e della carne.

Descrizione del dr. E. Bach
“Questo è il rimedio della depurazione. Per quelli che avvertono di avere in sé qualcosa di poco pulito. Apparentemente, agli altri,  trattasi di cosa poco importante.
L’individuo è  ansioso di potersi liberare di questo problema presente nella sua mente,  che ritiene sia il più importante da curare. Si abbattono se  il trattamento non riesce. Essendo, questo rimedio, un purificatore,  risana le piaghe  causate da veleni introdotti nell’organismo che devono essere  espulsi”.

schede-fiori-di-bach-crab-apple2Categoria archetipa
Scoraggiamento e disperazione. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Sensazioni  di  sporco sia fisico che mentale.  Fobia  dopo contatti.  Disgusto per le funzioni fisiologiche. Senso  di  colpa per  atti o pensieri sessuali, rifiuto di  affettuosità  espresse attraverso la corporeità.

Tipologia
Rimedio della depurazione. Per chi avverte in sé  qualcosa di poco pulito, senso di sporco esteriore ed interiore per qualcosa che non ha fatto. La persona si presenta ben curata ed ordinata;  prova disgusto di sé in presenza  di eruzioni cutanee, verruche, pustole, foruncoli sudorazioni, mostra un complesso di inferiorità riferito al suo corpo. Sviluppa avidità di danaro, con scarso slancio morale e religioso.
Prova  orrore per il disordine, è ossessionata dalle malattie da contagio e sente un impellente bisogno di lavarsi le mani.
Crab Apple, è il fiore definito della pulizia, consente di ripulire il corpo, la mente e lo spirito da tutto quello che si ritiene impuro. Questo fiore elimina i pensieri limitanti, che talvolta impropriamente e inconsciamente, sono ritenuti sporchi. Questi pensieri sporchi creano disperazione e scoraggiamento.
Fiore utile  per tutti coloro che non si accettano: esprime rifiuto di se stesso, mentre Beech è utile nel rifiuto verso gli altri.
Sintomi generali: soggetto luesinico, emotivo,  manifesta iperestesia sensoriale,  ha bisogno  di  svago,  si  smarrisce in affetti  disordinati e deludenti.
Sintomi fisici: soffre di disturbi energetici negativi, geopatie, meteoropatie, disturbi della pelle, acne.

Affermazioni ricorrenti
“Sento il bisogno di lavarmi spesso per eliminare qualcosa di sporco che sento dentro e fuori di me”.
“Ho paura delle infezione e di essere contaminato”.
“Sono un maniaco della pulizia”.
“Voglio che tutto sia in ordine, mi perdo spesso in particolari perdendo il filo principale”.
“Che schifo, mi faccio schifo”.

Rimedi complementari
Aiuti: Oak. Assistenti: Elm, larch, Pine, Star of Bethlehem, Sweet Chestnut e Willow.

Azione
Sviluppa il senso di purezza e innocenza, fa svanire la sensazione di autodisgusto, favorisce l’accettazione di se stessi, apprezzando il proprio valore fisico e morale.

Metodo di Preparazione
Piccoli rami fioriti col metodo della decozione.

ELM

(Ulmus procera L.)

schede-fiori-di-bach-elm

Descrizione botanica: Ulmus Procera L.
Famiglia: Ulmaceae.
Sinonimi: Olmo Inglese
Nome inglese: Elm.
Nome francese: Orme.
Habitat: specie di olmo diffuso in Europa, cresce su terreni ben drenati, non diffuso in Italia, dove cresce l’Ulmus campestris. Fiorisce tra febbraio e aprile in boschi e macchie, con fiori, piccoli, numerosi e a grappoli, che si aprono prima dello spuntare del fogliame.
Signature: albero che si diffonde per dissemina anemofila, per mezzo di semi alati, dispersi dal vento. Nell’antichità le foglie si utilizzavano per migliorare l’umore. L’albero forte e robusto, nello stesso tempo delicato e vulnerabile, viene aggredito da un fungo; è espressione di una personalità  forte e resistente, ma anche molto vulnerabile.

Descrizione del dr. E. Bach
 “Quelli che hanno un  buon lavoro, seguono la  loro vocazione e  sperano di  fare qualcosa di importante a vantaggio dell’umanità. A volte possono attraversare un periodo di  depressione quando ritengono che il compito intrapreso sia troppo difficile, e oltre le possibilità dell’essere umano”.

schede-fiori-di-bach-elm2Categoria archetipa
Scoraggiamento e disperazione. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Sensazione momentanea di non essere all’altezza dei propri compiti e responsabilità.

Tipologia
Il soggetto Elm vive il proprio lavoro come una vocazione, si applica con determinazione ed energia, la stanchezza e l’impegno profuso determinano una sensazione transitoria di non essere più all’altezza del compito assunto, del quale si sente travolto cadendo in uno stato di scoraggiamento, durante il quale pensa di non avere più la forza per portare avanti l’impegno .
Soggetto con forte senso di responsabilità e vocazione “mission oriented”, si sente inadeguato al  compito   da   svolgere, alterna autostima, insicurezza e senso di incapacità.
Soggetto emotivo, inconcludente,  timoroso  delle  conseguenze dell’azione.   
Elm rappresenta il soggetto con la sensazione di non farcela, perché avverte di essere troppo impegnato, e pensa effettivamente che “tutto è troppo”. Anche se si è forti e capaci, momentaneamente pensa di non essere all’altezza del compito assegnatogli.
Sintomi generali: appare estroverso,  ottimista, pragmatico, sentimentale, agisce con immediatezza e con slancio sincero, razionale, attaccato al dovere.
Sintomi fisici: fisicamente accusa spossatezza, astenia, dolori articolari alle ginocchia, spalle e nuca,  insonnia e depressione.

Affermazioni ricorrenti
“Ho l’impressione di non arrivare al traguardo prefissato”.
“Mi impegno sempre fino in fondo”.
“Sono indispensabile”.
“Mi sento carico di responsabilità”.
“Lo scopo che mi sono prefisso è troppo difficile”.

Rimedi complementari
Aiuti: Oak. Assistenti: Crab Apple, Larch, Pine, Star of Bethlehem e Willow.

Azione
Il fiore aiuta a ritrovare fiducia in se stessi discernendo tra le necessità personali e gli impegni assunti, favorisce il rispetto delle proprie esigenze di riposo e di svago. Sviluppa sicurezza di sé e fa sentire all’altezza  del  proprio compito.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i rami fioriti col metodo della decozione.

GENTIAN

(Gentiana amarella L.)

schede-fiori-di-bach-gentian

Descrizione botanica: Gentiana amarella L.
Famiglia: Genzianaceae.
Sinonimi: Ganziana autunnale.
Nome inglese: Gentian.
Nome francese: Gentiane amére.
Habitat: pianta annuale o biennale, cresce in Europa, salvo al nord, in montagna e in collina su terreni carsici,  sulle rocce e sulla sabbia. Con i fiori di colore blu porpora e foglie lanceolate.
Signature: il nome deriva da gentius, re dell’Illaria del II sec. a. C. che per primo utilizzò la pianta a scopi medicamentosi. È una pianta dal sapore amaro e dall’odore forte e acre. Il soggetto della tipologia Gentian vive una vita  di amarezze ed uno stato difensivo. Il colore blu porpora del fiore, colore del sesto, chakra, simboleggia la relazione spirituale.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per quelli che si scoraggiano  facilmente. Possono migliorare gradualmente e progressivamente  nella malattia e negli affari, ma ogni piccolo ritardo o contrasto in questa progressione è causa di dubbi e li demoralizza”.

schede-fiori-di-bach-gentian2Categoria archetipa
Per coloro che soffrono di incertezza, sono scoraggiati. Fiore costituzionale, categoria guaritori.

Alterazione caratteristica  
Soggetto pessimista, scettico e dubbioso. È un soggetto depresso, scoraggiato e demotivato.  

Tipologia
Soggetto caratterizzato da razionalità e scetticismo, malinconia e scoraggiamento. Mostra scarsa collaborazione e scetticismo nelle cure, sente che non l’aiuteranno; in genere ha subito un avvenimento triste per la perdita di un congiunto o del proprio lavoro, causa che lo fa protendere verso  uno stato depressivo.
Gentian è il fiore delle persone che si scoraggiano facilmente, vedono sempre il lato negativo in tutte le cose e che non possono vivere senza problemi. Sono soggetti gravati da dubbi e scetticismo, tendono al pessimismo, con sensazione costante di abbattimento o perdita interiore, amarezza per le difficoltà impreviste, sono introversi.
Rappresenta il fiore per coloro che di fronte ad un piccolo ostacolo tendono ad abbandonare e cambiano umore. L’incertezza si mostra nella mancanza di sicurezza di fronte ad un imprevisto, considerato  un ostacolo invece che un momento di riflessione e miglioramento. Il soggetto Gentiam vive uno stato di tristezza  associata ad eventi noti: menopausa, perdita del lavoro, contrasti sociali.
Sintomi generali. soffre di depressione reattiva in seguito ad un evento negativo di tipo economico o di incomprensione familiare.
Sintomi fisici: malumore, depressione, pessimismo, ipocondria, scoraggiamento.

Affermazioni ricorrenti
“Sono demoralizzato”.
“Sono scoraggiato perché i miei obiettivi non si realizzano”.
“Arrivo spesso in ritardo, rimugino e vago ininterrottamente tra i  miei pensieri”.
“Dopo questa delusione, vorrei lasciar perdere e abbandonare tutto”.
“Vorrei credere in qualcosa, ma non ci riesco”.    

Rimedi complementari
Guaritori: Cerato e Scleranthus. Aiuti: Gorse e Wilde oat. Assistenti: Hornbeam.

Azione
Il rimedio aiuta a sviluppare fiducia e ottimismo nei confronti delle avversità della vita.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i fiori macerati col metodo dell’infusione solare.

GORSE

(Ulex europaeus L.)

schede-fiori-di-bach-gorse

Descrizione botanica: Ulex europaeus L .
Famiglia: Papilionaceae.
Sinonimi: Ginestrone, Nepa, Spalatrone.
Nome inglese: Golden Gorse.
Nome francese: Aione d’Eurpe, Ajonc.
Habitat: albero perenne, cresce in tutta Europa, nelle lande, nei boschi e nelle siepi, su terreni pietrosi, su terreni da pascolo aridi e su pianure incolte, fiorisce tra febbraio e giugno con numerosi fiori gialli diffusi lungo tutto il fusto.
Signature:  il nome ulex unghia, deriva dalla presenza di spine a forma di unghie disposte sullo stelo della pianta. I Celti la consideravano una pianta magica, il colore giallo dei fiori simboleggia il coraggio e il valore, e le spine  l’espressione della lotta. Fiore spirituale che sviluppa il principio dell’accettazione secondo il seguente percorso: disperazione  >  rassegnazione  >  accettazione.    

Descrizione del dr. E. Bach
“Per i casi di grande disperazione, per coloro che non credono più che si possa fare qualcosa per loro. Con la persuasione, o per compiacere gli altri, si sottopongono a cure, ma nel contempo sono convinti che per loro non c’è possibilità di migliorare”.

Categoria archetipa
Per coloro che soffrono di incertezza, rassegnati e senza speranza. Categoria aiuti.

Alterazione caratteristica
Disperazione senza vie di uscita, perdita di speranza, rassegnazione, nulla ha più senso.

Tipologia
Soggetto con un passato infelice in seguito a malattie gravi subite o vissute da familiari, convivenza in famiglia con invalidi e inabili. Resa, rinuncia, getta la spugna. Si presenta di colorito pallido e con profonde occhiaie dal contorno orbitale scuro, senza energia vitale, si sente solo con la sua malattia
Gorse è il rimedio della disperazione, della depressione cronica, della rassegnazione e della mancanza di volontà. Sono soggetti convinti che nulla possa aiutarli, pensano comunque che non ci siano soluzioni ai propri problemi, di salute, di lavoro e familiari.
Fiore particolarmente utile nei momenti di incertezza in cui ci si sente vuoti e privi di soluzioni e con scarsa energia, senza sperare nelle soluzioni che  altri gli propongono.
Sintomi generali: incertezza disperata, angoscia e disturbi dell’umore, di carattere pessimista e negativo, introverso, triste e senza entusiasmo, ostinato e scontroso, portato al mutismo e all’isolamento.
Sintomi fisici: pessimismo, pianto, agitazione psicomotoria, nevrosi ansiose.

Affermazioni ricorrenti
“Mi sento disperato, rassegnato”.
“Ho provato di tutto, non c’è niente da fare”.
“Ho dei dubbi, ho paura di qualcosa”.
“Penso che non ci sia niente che possa aiutarmi”.
“Accetto di curarmi solo per far piacere ai miei cari”.

Rimedi complementari
Guaritori: Cerato, Gentian e Scleranthus. Aiuti: Wild Oat. Assistenti: Hornbeam.

Azione
Speranza e volontà, trasforma il pessimismo in ottimismo; il soggetto ritrova la speranza e l’energia interiore per nuove prospettive.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i fiori macerati col metodo dell’infusione solare.

HEATHER

(Calluna vulgaris L.)

schede-fiori-di-bach-heather

Descrizione botanica: Calluna vulgaris L.
Famiglia: Ericaceae.
Sinonimi: Brugo, Brentolo.
Nome inglese: Heather.
Nome francese: Bruyère commune.
Habitat: albero perenne diffuso in Europa, cresce nei boschi di pini, sulle pianure aride, nelle paludi e nelle lande deserte, da non confondersi con l’erica dai fiori rossi; fiorisce tra luglio e settembre con fiori lilla o talvolta bianchi.
Signature: il nome calluna deriva dal greco Kalluna, scopare, spazzare, e da vulgaris, corrente. Le branche ramose di questa pianta venivano utilizzate per fabbricare le scope, chiamate scope di brugo.
La pianta cresce su terreni aridi e acidi, cresce in solitudine asfissiando tutto ciò che la circonda. Il colore lilla dei fiori, colore spirituale del passaggio metafisico della mente e del passaggio dall’adolescenza alla maturità.

Descrizione del dr. E. Bach
 “Per coloro che sono sempre alla ricerca di qualcuno che possa far loro compagnia, perché hanno  necessità di parlare delle  proprie cose con altri, indipendentemente dall’argomento. Sono molto infelici quando restano soli  per un certo  tempo”.

schede-fiori-di-bach-heather2Categoria archetipa
Solitudine, per coloro che cercano sempre qualcuno che tenga loro compagnia. Categoria aiuti.

Alterazione caratteristica

Per coloro che hanno bisogno di compagnia e si preoccupano solo della propria persona, parlano di se stessi senza ascoltare gli altri.

Tipologia
Soggetto egocentrico, logorroico,  vuole essere al centro dell’attenzione,  attaccabottoni, soggetto che da bambino è stato lasciato solo dai genitori ed è affetto dal “complesso del bimbo bisognoso”. Viene definito “vampiro energetico”, assorbe energia dagli altri rendendoli stanchi ed esausti. Si lamenta e piange con facilità. Parla necessariamente dei propri problemi. Soffre di vittimismo, querulomane, chiacchierone, carattere pigro, mente per fare colpo, fiducioso verso gli altri, ingenuo, estroverso, manca di interesse verso il prossimo e nell’aiutare gli altri, non è servizievole.
Sono persone che vengono evitate per il loro comportamento,  definite i bambini bisognosi che, pur  di essere al centro dell’attenzione e di non passare inosservati, attaccheranno discorso con chiunque e su qualunque cosa. Il loro interesse è rivolto solo a loro stessi. Sono persone che  hanno  bisogno di amore, di sentirsi considerate che soffrono la solitudine. Si legano alle persone che le esprimono considerazione, temono di essere abbandonate.
Spesso hanno avuto un’infanzia difficile e non hanno ricevuto risposte ed attenzioni dall’ambiente circostante.
Sintomi generali: iperemotivo, mitomane, utopista, collerico, ipocondriaco.
Sintomi fisici: mal di testa, mal di stomaco, obesità, bulimia, crampi improvvisi.

Affermazioni ricorrenti
“Mi  accusano di pensare solo a me stesso”.
“Se sapessi quello che mi è capitato”.
“Mi interesso di tutto e di tutti”.
“Parlo molto e cerco sempre di convincere gli altri”.
“Ritengo importante parlare, anche se non pertinente”.
“Parlo ad alta voce per farmi ascoltare”.
“Ho bisogno di stare con gli altri”.

Rimedi complementari
Guaritori: Impatiens, Water Violet.

Azione
Il fiore sviluppa il silenzio, l’autocontrollo degli impulsi, recupera la capacità di ascoltare e di capire gli altri, di comprenderne i problemi e di aiutarli.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano le sommità fiorite col metodo dell’infusione solare.

HOLLY

(Ilex aquifolium L.)

schede-fiori-di-bach-holly

Descrizione botanica: Ilex aquifolium L.
Famiglia: Aquifoliaceae.
Sinonimi: Agrifoglio, Pungitopo maggiore.
Nome inglese: Holly.
Nome francese: Houx.
Habitat: albero comune in Europa, pianta ornamentale per giardini e parchi, cresce spontaneamente in collina e montagna,  nei boschi e ai confini delle macchie. I fiori  bianchi, leggermente profumati, le foglie lucide, sempre verdi, e con le bacche rosso intense.
Signature:  il nome deriva dal latino ilex, quercia e da aquifolium,  foglia dall’aspetto brillante, umida e acquosa. Era considerato un albero sacro, con le foglie spinose, segno della sofferenza e con le bacche di colore rosso, colore del sangue. Osservando le caratteristiche morfologiche di questa pianta emerge la sua aggressività: frutto  velenoso,  foglie spinose e un  fiore bianco, simbolo della purezza e dell’amore divino, utilizzata dai Celti nelle cerimonie sacre.

Descrizione del dr. E. Bach
”Per quelli che sono talvolta pervasi  da pensieri di gelosia, invidia, vendetta, sospetto. Dentro di sé  possono soffrire molto, senza che ci sia una  motivo reale della loro infelicità”.

schede-fiori-di-bach-holly2Categoria archetipa
Ipersensibilità alle influenze e alle idee. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Emotività e irritabilità pervaso da diffidenza, sospetto, gelosia, invidia, iracondia e odio.

Tipologia
Personalità molto emotiva, suscettibile e permalosa, nutre sentimenti di competitività e vendetta, con senso di frustrazione e sfiducia.
Animo cupo e turbolente animato da invidia, gelosia, sospetto e odio che determinano la sua infelicità.
Nell’infanzia  si esprime con rabbia e ostinazione per eventuale gelosia scaturita dalla  nascita di un fratello.
Holly  rappresenta il fiore della gelosia in persona, sono  persone che non si fidano degli altri, pensando che queste  possano prendersi gioco di loro, sono ossessionati da ciò che possono pensare  gli altri. Vedono soprattutto gli aspetti negativi dietro ogni avvenimento, e vivono con la  sensazione di essere raggirati.
Gelosia, invidia e sospetto rappresentano la trilogia dei sentimenti dell’infelicità di Holly. La gelosia rappresentala l apaura di perdere l’altro, l’invidia esprime il senso d’inferiorità e il sospetto indica la profonda insicurezza del soggetto Holly.
Sintomi generali. viso teso, accigliato e iroso, reattivo e rabbioso.
Sintomi fisici: predisposizione ad acidità di stomaco, gastriti, ipercloridria, con alterazioni biliari e insufficienza digestiva; processi infiammatori e affezioni della pelle.

Affermazioni ricorrenti
“Sono sospettoso, geloso, frustato”.
“Invidio le altre persone per come sono e per le cose che hanno”.
 “So di non essere amato e di essere odiato”.
“Godo del male altrui”.
“Se qualcuno osa ingannarmi divento una belva”.

Rimedi complementari
Guaritori:  Agrimoy e Centaury. Assistenti: Walnut.

Azione
Sviluppa la capacità di amare e sentirsi amati, la compassione universale, il perdono, la comprensione e l’armonia, recupera  la capacità di amare e stimare se  stessi e gli altri con riequilibrio dell’affettività.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i rami  fioriti col metodo della decozione.

HONEYSUKLE

(Lonicera caprifolium L.)

schede-fiori-di-bach-honeysukle

Descrizione botanica: onicera caprifolium L.
Famiglia: Caprifoliaceae.
Sinonimi: Caprifoglio, Madreselva.
Nome inglese: Honeysukle.
Nome francese: Chévrefeuille des jardins.
Habitat: pianta spontanea, diffusa  in  Europa longeva, rampicante forte e profumata, cresce ai margini dei boschi e nella brughiera. I  fiori, esternamente rossi e internamente bianchi, diventano gialli durante l’impollinazione,  fiorisce tra luglio e agosto.
Signature: pianta già conosciuta ed utilizzata dagli antichi egiziani, il nome caprifolium significa foglie delle capre. Il colore rosa dei fiori rappresenta il legame emotivo ed affettivo al passato emozionale non risolto. È una pianta dal frutto tossico, si sviluppa avviluppandosi su altre piante ad alto fusto danneggiandole.     

Descrizione del dr. E. Bach
 “ Per quelli che vivono molto nel passato, forse un tempo felice  o nel ricordo di un amico perso o di ambizioni che non si sono realizzate. Nnon si aspettano di ritrovare una felicità futura simile a quella vissuta”.

schede-fiori-di-bach-honeysukle2Categoria archetipa
Insufficienza di interesse per il presente. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica  
Malinconia, nostalgia per il passato, rimpianto

Tipologia
Persone  che vivono nel passato, lo idealizzano, sviluppando interesse professionale per l’archeologia, storia e antiquariato.   
Personalità malinconica, incapace di gioire di ridere e scherzare, sonnolente distratta e apatica, amante della solitudine, abitudinaria e legata ai vecchi ricordi;  conserva tutto, non riesce a buttare niente, rifiuta le novità.
Carattere frequente tra gli emigranti, anziani,  vedovi e  bambini quando sono fuori di casa.
Sono persone che si rifuggono nel passato, vivono nei ricordi e vorrebbe tornare indietro, sono presi dalla nostalgia e il pensiero è ancorato ai ricordi di esperienze di vita  del passato.
Sintomi generali: distrazione, apatia, tristezza e malinconia, perdono facilmente il filo del discorso.
Sintomi fisici: fisicamente presenta insufficienza circolatoria agli arti inferiori con difficoltà di deambulazione.

Affermazioni ricorrenti
“Se potessi tornare indietro”.
“Soffro di  nostalgia e malinconia”.
“Vivo nei ricordi del passato, della famiglia, degli amici, della casa”.
“I ricordi più belli sono quelli della mia gioventù”.
“Non riesco a dimenticare, rivivo continuamente quell’incidente”.
“Se avessi fatto……..se avessi accettato….”.

Rimedi complementari
Guaritori: Clematis. Aiuti Olive. Assistenti: Chestnut Bud, Mustard, White Chestnut e Wild Rose.

Azione
Il fiore sviluppa nuovo entusiasmo che permette il superamento del passato facendo tesoro delle esperienze vissute.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i rami fioriti col metodo della decozione.

HORNBEAM

(Carpinus betulus L.)

schede-fiori-di-bach-hornbeam

Descrizione botanica: Carpinus betulus L.
Famiglia: Corylaceae.
Sinonimi: Carpino, Carpino Bianco.
Nome inglese: Hornbeam.
Nome francese: Ch’armille.
Habitat: albero comune in Europa, diffuso nei boschi e zone montane, simile al faggio rosso, ma più piccolo e verde, cresce da solo o a gruppi. I  fiori maschi penduli e femminili eretti si aprono in aprile o maggio.
Signature: carpinus, dal latino, legno forte. L’albero caratterizzato da un  tronco duro,  dalle foglie lasse e dai fiori maschili cadenti e quelli femminili eretti, espressione della debolezza e flaccidità della tipologia  Hornbeam.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per quelli che ritengono di non essere forti mentalmente e fisicamente, per sopportare il  carico della propria vita; le incombenze della vita quotidiana   gli sembrano troppo pesanti, sebbene generalmente essi riescano ad adempiere al loro compito.
Per quelli che credono che qualche parte, della loro mente e del loro corpo  debba essere rafforzata, affinché  possano adempiere facilmente il loro lavoro”.

schede-fiori-di-bach-hornbeam2Categoria archetipa
Per coloro che soffrono di incertezza. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Tensione, esaurimento fisico e psichico, pensa di non superare le difficoltà quotidiane, stanchezza mentale che si ripercuote sul fisico.

Tipologia
Persone che vivono una vita grigia, si sentono incapaci di portare a termine i loro impegni, soffrono di  complesso  di  inferiorità, indecisione, incapacità,  mania   di persecuzione,  attaccamento al passato, a ricordi  felici che non rivivranno.
Hornbeam è indeciso, procrastina, si sente prigioniero di una stanchezza che gli blocca il fisico, accusa uno stato  temporaneo di stanchezza mentale e fisica. La mancanza di energia causa mancanza di interesse, stanchezza e incapacità di seguire gli impegni quotidiani. Ha bisogno di stimoli per intraprendere i compiti che devono affrontare.
Caratteristica di questo fiore è l’incertezza che si manifesta al mattino,  quando, nonostante il riposo del sonno ristoratore, ha la sensazione che qualcosa non funzioni e che con l’attività passa.
Sintomi generali: soffrono di   crisi esistenziali, assenza  nei  rapporti con gli altri, labilità  mentale, disturbi della memoria,  disfasia,  astenia, ipotonia  muscolare e disturbi psicosessuali.
Sintomi fisici: il primo sintomo fisico si manifesta con cefalee; mostrano debolezza  del tessuto connettivale con prolassi e problemi articolari.

Affermazioni ricorrenti
“Mi sveglio già stanco, non riesco ad alzarmi”.
“Sono stanco e annoiato”.
“Le distrazioni mi liberano dalla routine”.
“Mi lascio facilmente influenzare”.
“Mi piace restare a letto”.
“Mi rattristo perché vedo le difficoltà delle cose”.

Rimedi complementari
Guaritori: Cerato, Gentian e Scleranthus. Assistenti: Gorse e Wild Oat.

Azione
Il fiore sviluppa entusiasmo, vivacità e chiarezza che portano al recupero delle potenzialità fisiche: energia e dinamismo.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i rami fioriti col metodo della decozione.

IMPATIENS

(Impatiens glandulifera L.)

schede-fiori-di-bach-impatiens

Descrizione botanica: Impatiens glandulifera L.
Famiglia: Balsaminaaceae.
Sinonimi: Erba impaziente.
Nome inglese: Impatiens.
Nome francese: Balsamine de L’Himalaya.
Habitat: pianta annuale originaria dell’Himalaya, importata in Europa, cresce in climi caldi e terreni umidi, pianta carnosa alta sino a 180 cm, fiorisce tra luglio e settembre con fiori di colore o rosa malva.
Signature: il nome impatients, dal latino, non mi toccare e glandulifera, glandula.. È una pianta molto sensibile, al minimo tocco della guaina il seme viene espulso, schizzato fuori. La pianta si sviluppa con un gambo sottile e  con striature longitudinali a forma di muscoli. Rappresenta il primo fiore preparato da Bach.

Descrizione del dr. E. Bach
“Quelli che sono rapidi in pensiero e in azione e che desiderano che tutte le cose siano fatte senza esitazione o senza indugio. Quando sono ammalati hanno fretta di ristabilirsi. Trovano molto difficile essere pazienti con le persone lente,  lo considerano una perdita di tempo, cercando di renderle più veloci in tutti i modi. Preferiscono spesso lavorare e pensare soli, in modo da realizzare le cose secondo la propria  velocità”.

schede-fiori-di-bach-impatiens2Categoria archetipa
Solitudine. Fiore costituzionale, categoria guaritori.

Alterazione caratteristica
Impaziente, frustrato e irritabile a causa dell’impazienza. Tensione mentale accelerazione.

Tipologia
Personalità attiva, dinamica, frettolosa che vuol realizzare tutto in fretta, non tollera le persone lente e le attese. Pensa ed agisce. Eccessiva impulsività, precipitosi, protendono in avanti, come se volessero anticipare il tempo, comunicano molto col il linguaggio paraverbale.
Impatiens è una  persona che si ritrova sola perché i suoi ritmi sono veloci, e ritiene che quelli altrui non sono corrispondenti ai propri.
È interessante notare che questo fiore si chiama così proprio perché, quando il seme è maturo è sufficiente che la pianta sia sfiorata per essere immediatamente sputato fuori.
Impatiens viene anche chiamata “non mi toccare” e corrisponde perfettamente alla persona che al risveglio è irascibile e non vuole in alcun modo essere disturbata da nessuno.
Sono persone che svolgono qualsiasi azione di fretta, sviluppano la solitudine  per il loro modo frenetico di agire.
È un componente degli ingrediente nel Rescue Remedy.
Sintomi generali: hanno difficoltà a lavorare in gruppo, soggetti sempre in tensione sia mentale che fisica.
Sintomi fisici: soffrono di dolori muscolo-tensivi alle mani, al collo, alla nuca, alla schiena e mandibolari. Scaricano  la tensione nervosa con eruzioni cutanee e disturbi gastrointestinali.

Affermazioni ricorrenti
“Preferisco lavorare da solo”.
“Le persone lente mi fanno perdere tempo”.
“Prendo decisioni affrettate senza riflettere”.
“Spesso tolgo la parola di bocca ai miei interlocutori”.
“Non tollero i contrattempi”.
“Non sopporto fare la fila o l’attesa al ristorante”.

Rimedi complementari
Guaritori: Water Violet. Aiuti: Heather.

Azione
Il fiore sviluppa pazienza, perdono e comprensione verso gli altri, tolleranza e indulgenza.
Per uso topico, alcune gocce in olio da massaggio sulle parti tesi, per alleviare tensioni e contrazioni.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i fiori macerati col metodo dell’infusione solare.

LARCH

(Larix decidua  Miller)

schede-fiori-di-bach-larch

Descrizione botanica: Larix decidua Miller.
Famiglia: Pinaceae.
Sinonimi: Carpino, Carpino Bianco.
Nome inglese: Larch.
Nome francese: Mélèze d’Europe.
Habitat: diffuso in Europa, cresce in alta montagna, albero dominante che raggiunge i 30 metri d’altezza, cresce sulle colline e al limitare dei boschi, con  fiori maschili e femminili, che crescono sullo stesso albero e si aprono nel periodo in cui gli aghi diventano visibili come piccolo ciuffi verde chiaro.
Signature:  il nome deriva dal latino larix, resina e da decidua, decadenza delle foglie.  Il legno del larice esposto al sole fa fuoriuscire una resina che lo rende impermeabile, veniva usato dai romani per costruire gli anfiteatri. La decadenza delle foglie rappresenta lo stato di rinuncia del soggetto Larch, perché si sente destinato a cadere, a fallire, a soccombere. È una pianta che sopporta il freddo e la neve.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per coloro  che si  considerano meno abili o capaci di quelli che si aspettano di fallire, che ritengono di non raggiungere mai il  successo,  così non  tentano e non fanno abbastanza per riuscire nella vita”.

schede-fiori-di-bach-larch2Categoria archetipa
Scoraggiamento o disperazione. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Vivono un senso di inferiorità e aspettano l’insuccesso a causa della loro mancanza di fiducia.

Tipologia
Si credono meno abili o capaci di altri, sono convinti  di fallire, quindi non osano.
Soffrono di complesso   di   inferiorità,  preferiscono un lavoro dipendente, senza rischi; sono autolesionisti,  timidi, si scoraggiano facilmente, volubili ed emotivi. Sono di buone maniere, cerimoniosi e cortesi.
Larch, è il fiore adatto alle persone che  pensano che gli altri siano migliori e ritengono di non essere idonee e di non farcela, pertanto, non osano nemmeno.  Non hanno fiducia nelle proprie capacità: gli altri sono ritenuti  migliori e più capaci.  
Molto spesso è il fiore indicato nel periodo dell’adolescenza ed alle persone che concentrano la loro attenzione soprattutto sul fine da raggiungere, senza pensare al mezzo ed al percorso da seguire: pensano al fine, ma non al mezzo per raggiunger l’obiettivo. Non si fanno avanti, non provano, perché convinte di non essere all’altezza, di valere meno degli altri. Larch rappresenta il complesso di inferiorità, in genere le basi di questo complesso di inferiorità sono poste nella prima infanzia ad opera dei genitori, per cui il timore del fallimento agisce come un vero e proprio monito.
Sintomi generali: timidezza, autolesionismo, sindromi generali da insufficienza.
Sintomi fisici: soffrono di vagotonia, impotenza, balbuzie, disfattismo, falsa modestia, ansia da attesa.

Affermazioni ricorrenti
“Ho scarsa fiducia in me stesso e mi sento inferiore agli altri”.
“Sono una persona modesta”.
“Mi deprezzo nei confronti degli altri”.
“Ho l’abitudine a rinviare all’indomani”.
“Mi ritengo incompetente”.

Rimedi complementari
Aiuti: Oak. Assistenti: Crab Apple, Elm, Pine, Star of Bethlehem, Sweet Chestnut e Willow.

Azione
Larch sviluppa la creatività e l’espressione spontanea delle proprie capacità; libera dalla paura del fallimento dando  fiducia in se stessi, aiuta ad osare di più, a correre rischi ed essere più coinvolti nella, vita recuperando autostima e perseveranza.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i rami fioriti col metodo della decozione.

MIMULUS

( Mimulus guttatus L.)

schede-fiori-di-bach-mimulus

Descrizione botanica: Mimulus guttatus L.
Famiglia: Scrofulariaceae.
Sinonimi: Mimolo giallo.
Nome inglese: Mimulus.
Nome francese: Mimule.
Habitat: pianta perenne originaria dall’America, diffusa in Europa e in Italia, cresce su terreno umido, paludoso e lungo il corso dei fiumi,  pianta alta circa 30 cm, fiorisce con  grandi fiori gialli singoli.  
Signature: il nome di questo fiore deriva da mimulus, mimo, istrione, buffone e da guttatus, macchiato, punteggiato sui petali. Fiore a forma di bocca aperta, denominato fiore scimmia, è molto sensibile, si chiude appena sfiorato da un insetto. Esprime in pieno la tipologia mimulus,  vuole essere protagonista e nello stesso tempo  basta una piccola contrarietà per farlo richiudere in se stesso.

Descrizione del dr. E. Bach
“Paura delle cose terrene: malattia, dolore, incidenti, povertà, oscurità, solitudine, sfortuna. Le paure della vita quotidiana. Queste persone vivono segretamente le loro fobie in silenzio e  non parlano volentieri di esse”.

schede-fiori-di-bach-mimulus2Categoria archetipa
Per coloro che hanno paura. Rimedio costituzionale, categoria guaritori.

Alterazione caratteristica  
Persone vergognose, timide, paurose e riservate.

Tipologia
Affette da paure quotidiane di origine conosciuta, degli esami, delle malattie o del dolore; degli animali:  cani, ragni, topi, serpenti  e uccelli. Mimulus è un rimedio per persone  timide e nervose, arrossiscono facilmente o sono  balbuzienti, evitano le relazioni  sociali.  Sono persone sensibili, dall’aspetto raffinato e delicato.
Mimulus è il fiore  che permette di affrontare una paura conosciuta, ben definibile: paura del mondo, degli animali; paura dell’altezza, del dolore, di incidenti, del buio, della morte, della malattia, di essere soli, di altre persone. Solitamente sono persone pacifiche, che rifuggono le discussioni, hanno bisogno di solitudine per ricaricarsi e hanno quindi la tendenza ad ammalarsi       e si rifuggono nella malattia quando si sentono sotto pressione. Sono persone che hanno paure specifiche e definite e di parlare in pubblico.
Sintomi generali: irritabili al rumore e nella folla, iperemotive, distonie neurovegetative.
Sintomi fisici: sono soggetti spesso affetti da disturbi della respirazione, problemi alle mucose nasali, insufficienza respiratoria.  

Affermazioni ricorrenti
“Arrossisco facilmente a contatto con persone sconosciute”.
“Ho paure di cose conosciute”.
“Ho paura del buio, del futuro, delle malattie”.
“Non parlo volentieri delle mie fobie”.
“Sono aggressivo con i miei familiari e i miei amici”.
“Chiedo scusa facilmente”.

Rimedi complementari
Guaritori: Rock Rose. Assistenti: Aspen, Cherry Plum, Red Chestnut.

Azione
Il fiore sviluppa coraggio e misericordia, riequilibra la sensibilità superando le proprie paure.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i fiori macerati col metodo dell’infusione solare.

MUSTARD

(Sinapis arvensis L.)

schede-fiori-di-bach-mustard

Descrizione botanica: Sinapis arvensis.
Famiglia: Crucifere.
Sinonimi: Mustarda, Senape selvatica.
Nome inglese: Mustard.
Nome francese: Sénevé, Moutarde.
Habitat: pianta annuale diffusa in Europa allo stato spontaneo, descritta da Teofrasto come condimanto, alta da 30 a 60 cm, cresce nei campi e sui bordi delle strade, con  fiori gialli luminosi forma di ombrello e si sviluppano rapidamente in lunghi baccelli, fioritura  da maggio a luglio.
Signature: il nome deriva dal greco sinapi, unione e dal latino arvensis, campo. Mentre, il suo nome comune mustard deriva dal latino mostum, vino speziato. I fiori di colore giallo luminoso esprimono  la speranza del buio profondo della depressione difficile da estirpare, come la mustard, la malerba che cresce nei campi subito dopo l’aratura. Il colore giallo dei fiori e il sapore piccante, esprimono l’elevata concentrazione di zolfo (da sulfur, portatore di sole) contenuto in questa pianta.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per quelli che sono soggetti a periodi di malinconia o di disperazione,  come se una nube oscura fredda li avvolgesse e gli togliesse  la luce e la gioia di vivere. Non è possibile dare una spiegazione a queste crisi o conferire una causa a  per tali attacchi. In queste condizioni appare  impossibile sembrare felice o allegro”.

schede-fiori-di-bach-mustard2Categoria archetipa
Insufficienza di interesse per il presente. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Soggetti invasi da profonda tristezza, malinconia, depressione alternanti, senza particolari motivi.

Tipologia
Il soggetto Mustard si presenta introverso, riservato, serio. Ha cicli di depressione cupa che vanno e vengono senza una causa conosciuta.
Carattere con senso di pessimismo universale, demotivato, soffre di complessi di inferiorità con alternanza di euforia e depressione immotivata.
È il rimedio contro la depressione, si manifesta con uno stato  di  annientamento della personalità accompagnato da un malessere inspiegabile che annulla la voglia di vivere. Il soggetto Mustard non riesce a focalizzare la motivazione scatenante questo stato di prostrazione così profonda; tutto perde di valore, nulla ha un senso e un significato, vive in un sensazione di vuoto con un dolore di fondo inspiegabile.
Sono persone che  improvvisamente cambiano  umore, senza conoscerne la causa, vengono avvolte come  in una nube nera, che altrettanto improvvisamente scompare. Vivono costantemente con l’apprensione di ritrovarsi nel buio assoluto, senza la possibilità di poter vivere la vita. Non conoscono il motivo né della tristezza né della felicità.
Sintomi generali: senso di vuoto, disperazione senza causa, sensazione di trovarsi fuori dal gioco della vita, apatico senza appetito.
Sintomi fisici: mal di testa cronico, stati depressivi, bolo isterico, insonnia, caduta dei capelli, disturbi della sfera sessuale.

Affermazioni ricorrenti
“Mi sento triste, malinconico senza  un motivo”.
“Sono desolato, rattristato, senza speranze”.
“Mi sento avvolto da una nuvola nera”.
“Ho momenti di depressione passeggeri, come arrivano così scompaiono”.
“Mi chiudo in me stesso rimuginando nei  miei pensieri”.

Rimedi complementari
Guaritori: Clematis. Aiuti: Olive. Assistenti: Chestnut Bad, Honeysukle, Wild Rose, White Chestnut.

Azione
Mustard sviluppa chiarezza interiore, intuizione, forza spirituale e profonda gioia per la vita. Il rimedio elimina la tristezza e fa riacquistare la gioia di vivere. La mente  e  il cuore si aprono alla vita, riacquistando pace, serenità e allegria.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano le sommità fiorite col metodo della decozione.
Può essere usato non diluito direttamente dallo Stock Bottle.

OAK

(Quercus robur L.)

schede-fiori-di-bach-oak

Descrizione botanica: Quercus robur L.
Famiglia: Fagaeae.
Sinonimi: Quercia, Eschio, Farnia.
Nome inglese: Oak, Common red oak.
Nome francese: Chêne rouvre.
Habitat: albero comune e  diffuso in tutta Europa, cresce su terreni fangosi, argillosi e calcarei, nei boschi, nelle macchie e nei campi; costituiva uno degli alberi sacri dei nostri antenati. Fiorisce tra la fine di aprile e all’inizio di maggio con fiori maschili e femminili che crescono sullo stesso albero.
Signature: il nome deriva da quercus, quercia, albero longevo, può vivere da 500 a 2000 anni, e robur, robusto. Nell’antica Roma la quercia rappresentava il simbolo della forza, della virilità e del valore militare. Nella cultura celtica era considerato il re degli alberi. La quercia convive e condivide i propri spazi con fiori e altri alberi in segno di generosità verso gli altri.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per coloro che lottano e combattono duramente per guarire o per i loro affari  quotidiani. Anche se il loro caso sembra  senza  speranza, tentano  ogni via e si battono. Sono scontenti se a causa di una   malattia, non   possono   adempiere   al  proprio dovere  o   aiutare   gli   altri. Sono persone coraggiose che sanno far fronte a grandi difficoltà  senza  rinunciare allo sforzo”.

schede-fiori-di-bach-oak2Categoria archetipa
Scoraggiamento o disperazione. Categoria aiuti.

Alterazione caratteristica
Soggetto tenace, perseverante attaccato al lavoro, instancabile nonostante le difficoltà, fedele al senso del dovere.

Tipologia
Schiavo del lavoro, esuberante, forte e instancabile, non pensa mai di riposarsi,
ha uno spiccato senso del dovere: si accolla spesso il lavoro degli altri. Instancabile, non si concede un attimo di tregua, il suo senso del dovere è tale da tenere sotto controllo anche il fisico. Col passare del tempo senza rendersi conto si inaridisce per continuano a dare il massimo senza però “nutrirsi” di nulla, non si concede il tempo per riposare e godere delle bellezze della natura.
Oak è il fiore di coloro che si sentono di non farcela più, ma che continuano incessantemente nei loro sforzi. Rappresenta la quercia,  pianta che regge a tutto, anche ai fulmini, senza piegarsi mai, vivendo anche per tantissimi anni, poi improvvisamente senza nessun motivo si spezza.
Spesso le persone Oak stanno male, di sabato e di  domenica, cioè quando si possono rilassare. In questi, casi Oak diventa il rimedio per conciliare il meritato riposo.  
I soggetti Oak pensano di essere indispensabili ed insostituibili,  e si  accollano tutto il carico di lavoro e di responsabilità: tutto è sopra le proprie spalle.
Sintomi generali: orientata spiritualmente, ascetica,  temperamento stenico, testardo e cocciuto, inflessibile  verso  se  stesso, rischia l’inaridimento psicofisico per il troppo lavoro.
Sintomi fisici: collasso fisico, esaurimento nervoso, rigidità muscolare ed articolare, tendenza  a malattie autoimmune caratterizzate da rigidità, artrite reumatoide, spondilite anchilosante, arteriosclerosi.

Affermazioni ricorrenti
“Mi sento incapace, ho paura di fallire”.
“Sono perseverante ed ostinato”.
“Mi dicono che pretendo molto da me stesso”.
“Preferisco non delegare  e fare da me”.
“Spesso mi accollo anche il lavoro degli altri”.
“Non mi perdo d’animo”.
“Mi addosso ogni responsabilità e rifiuto di essere aiutato”.

Rimedi complementari
Assistenti: Crab Apple, Elm, Larch, Pine, Star of Bethlehem, Sweet Chestnut e Willow.

Azione
Il fiore sviluppa la coscienza del limite delle proprie forze con recupero dell’equilibrio competitivo per la vita in termini di psicosintesi. Inoltre, sviluppa la qualità della conoscenza dei propri limiti naturali, della resistenza e forza fisica.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano gli amenti femminili col metodo dell’infusione solare.

OLIVE

(Olea europea L.)

schede-fiori-di-bach-olive

Descrizione botanica: Olea europea L.
Famiglia: Oleaceae.
Sinonimi: Ulivo, Olivo.
Nome inglese: Olive.
Nome francese: Olivier.
Habitat: albero comune in Europa e nel bacino del mediterraneo, longevo, vive  oltre mille anni, a seconda del paese di coltivazione Fiorisce in mesi primaverili diversi, le infiorescenze sono costituite da 20 a 30 fiori bianchi.
Signature: è l’albero simbolo della pace, della vita e della forza. Rappresenta un albero liturgico: colomba col ramo d’olivo che annuncia la fine del diluvio universale. Cristo che viene arrestato nel campo degli ulivi e la resistenza ai soldati romani. I romani usavano l’olio di olive per massaggi tonificanti. Albero dal  legno duro che  non si scheggia, produce i suoi frutti fino all’ultimo anno di vita, a testimonianza della forza ed energia.         

Descrizione del dr. E. Bach
“Per persone che hanno sofferto fisicamente o moralmente, e sono così esauriti e stanchi che  ritengono di non avere più risorse per il minimo sforzo. La vita quotidiana rappresenta per loro un pesante fardello privo di ogni piacere”.

schede-fiori-di-bach-olive2Categoria archetipa
Mancanza di interesse per il presente. Categoria aiuti.

Alterazione caratteristica
Esaurimento fisico e psichico, sfinimento, prostrazione indebolimento del corpo e della mente

Tipologia
Soggetto esaurito fisicamente e mentalmente, in seguito ad impegni di lavoro, di studio, di assistenza  ad un familiare ammalato. Svogliato, non ha  voglia  di far niente, trascura gli impegni, rimanda  al  giorno dopo, desidera dormire a lungo; indifferente ai piaceri della   tavola, del sesso,  dello sport  e degli hobby vari. Sono persone che soffrono di momenti di stanchezza e  spossatezza profonda, si stancano facilmente, sentono una mancanza di energia e dormirebbero sempre. Provano stanchezza fisica in seguito a lunghe degenze o sforzi fisici. Olive è considerato il rimedio dello stress.
Sintomi generali: emotività, inattività, introversione, scoraggiamento,  noia,   mutismo, isolamento, malinconico, utopista, sentimentale e passionale; di costituzione nervosa e fisicamente debole, spesso uno dei genitori può essere alcolizzato o gravemente ammalato.
Sintomi fisici: surmenage intellettivo (spesso durante la preparazioni agli  esami o convalescenza), malattie debilitanti con deperimento organico, anoressia, anemia, depressione.
Uso esterno: alcune gocce di Olive e di Crab Apple, in bagno come tonificante, consigliabile dopo un esame o impegno stressante.

Affermazioni ricorrenti
“Mi sento allo stremo”.
“Mi sento completamente esaurito senza energia”.
“Sono talmente stanco che non riesco nemmeno a pensare”.
“Ho solo voglia di dormire”.
“Sono completamente esaurito, senza forza”.
“Sono insoddisfatto e incompetente”.
“Non c’è niente che mi stimoli”.

Rimedi complementari
Guaritori: Clematis. Assistenti: Chestnut Bud, Honeysuckle, Mustard, White Chestnut e Wild Rose.

Azione
Il fiore sviluppa il gusto  e il piacere di vivere, la stanchezza svanisce, ripristina l’energia e la vitalità.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano le sommità fiorite col metodo dell’infusione solare.

PINE

(Pinus Sylvestris L.)

schede-fiori-di-bach-pine

Descrizione botanica: Pinus Sylvestris L.
Famiglia: Pinaceae.
Sinonimi: Pino silvestre, di Scozia, Siberiano.
Nome inglese: Pine.
Nome francese: Pin rouge, Pin silvestre.
Habitat: albero comune e diffuso in Europa, cresce in montagna nei boschi,  e con climi rigidi.  Slanciato dalla corteccia bruno-rossiccia in basso e arancio-bruna in alto, può arrivare fino a 30 metri, i fiori maschili e femminili sono ricoperti di polline giallo.
Signature: è una pianta che sopporta la siccità e il caldo, per svilupparsi ha bisogno di spazi aperti, luce e massima insolazione. Rappresenta l’albero più bello della flora mediterranea,  presenta la corteccia  screpolata  e fissurata, come se volesse nascondere la sua bellezza, espressione dell’autopunizione, come se non meritasse la sua bellezza.    

Descrizione del dr. E. Bach
 “Per quelli che si autocriticano, anche quando hanno successo, pensano che avrebbero potuto fare meglio e non sono mai contenti  di se stessi e  dei risultati ottenuti. Sono lavoratori instancabili e soffrono per  errori che si attribuiscono; talvolta, arrivano ad  accusarsi, persino,  di errori commessi da altri”.

schede-fiori-di-bach-pine2Categoria archetipa
Scoraggiamento e disperazione. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Per coloro che si autocriticano, anche se  hanno  successo, vorrebbero  fare di  meglio, di più, insoddisfatti, hanno un senso di colpa, lavoratori instancabili, si caricano di colpe altrui.

Tipologia
Persone afflitte da un senso di colpa, insoddisfatte, esigenti e  perfezioniste, amante della solitudine, si caricano di colpe altrui,
Si sentono inattive, prive di vanità e di esibizionismo, metodiche altruiste e riservate. Svolgono professioni dedite agli altri: infermieri, terapeuti, missionari, medici, volontariato, assistenza ad invalidi e  anziani. In genere vivono  il rapporto coi genitori come indesiderate, non volute.
Pine sono persone che si addossano le responsabilità e le colpe anche degli altri, spesso utilizza no la parola “scusa”. Sono critici verso loro stessi, si giudicano in modo negativo e critico, a differenza di Beech che è portato a criticare gli altri.
Il soggetto Pine pensa di essere colpevole anche delle responsabilità degli altri, sente di non meritare  niente. Pensa di essere un peso per gli altri, vorrebbe non disturbare.
Diventa giudice implacabile di se stesso che si paralizza e si rende incapace di prendere iniziative. Pine spesso si autopunisce scegliendo situazioni di lavoro o un partner sbagliato che diventa il suo tiranno.
Sintomi generali: sensazione di impotenza, di non meritare la considerazione e l’amore degli altri, scontentezza, infelicità, tensione, masochismo, senso di colpa, insoddisfazione, rigidità, spiccato senso di autocritica.
Sintomi fisici: depressione, autolesionismo, astenia.

Affermazioni ricorrenti
“Mi sento colpevole dei miei errori e di quelli commessi da altri”.
“Se qualcuno mi offende penso di essere stato io a provocare tale offesa”.
“Mi accuso di colpe morali e religiose”.
“Mi ritengo indegno, vile”.
“Ho vergogna di me stesso, mi sento in colpa”.

Rimedi complementari
 Aiuti: Oak. Assistenti: Crab Apple, Elm, Star of Bethlehem e Willow.

Azione
Il fiore sviluppa la giusta visione della responsabilità, l’accettazione dei propri limiti e il recupero dell’autostima. È un fiore spirituale che sviluppa il principio del perdono. Libera dai sensi di colpa.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i rami fioriti coperti di polline col metodo della decozione.

RED CHESTNUT

(Aesculus carnea L.)

schede-fiori-di-bach-red-chestnut

Descrizione botanica: Aesculus carnea L.
Famiglia: Aceraceae.
Sinonimi: Ippocastano rosso, castagna rossa.
Nome inglese: Red Chestnut.
Nome francese: Marronnier D’Inde.  
Habitat: albero originario dell’India, varietà a fiori rossi, non molto diffuso, ornamentale per parchi e giardini. Fiorisce da marzo a giugno, con fiori di colore rosa intenso che sovrasta  grandi infiorescenze di forma piramidale.
Signature: è una pianta ibrida, derivante dall’incrocio tra l’Aesculus ippocastano e l’Aesculus pavia, aesculus è il nome antico di castagno. Red  esprime il colore rosso dei fiori e carnea, consanguineità, il principio protettivo esteriore di paure conosciute o sconosciute proiettate sugli altri è simboleggiato dalle foglie simili alla forma delle mani.    

Descrizione del dr. E. Bach
“Per quelli che trovano difficile non essere in ansia per gli altri. Si rendono infelici, anticipano l’ansia per avversità che possono accadere   a persone che loro amano”.

schede-fiori-di-bach-red-chestnut2Categoria archetipa
Per coloro che hanno paura. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Soggetti ansiosi per il benessere degli altri, fino a dimenticarsi di se stessi; in preda ad ansia da  anticipazione  per  le avversità che potrebbero colpire coloro che amano.

Tipologia
Sono soggetti affetti da uno stato   possessivo  verso  le persone  care; sentono un  senso inconscio   di  colpa  verso  persone  trattate  male. Rappresenta il fiore per le persone che hanno paura che possa succedere qualcosa alle persone care.
Sviluppano un senso di preoccupazione soffocante per le persone care  che esprimono attraverso premonizioni catastrofiche e  raccomandazioni esagerate.
Sono soggetti emotivi, volubili, impazienti,  egocentrici, pessimisti; nell’infanzia mostravano  un attaccamento eccessivo ad uno dei  genitori.
Red Chestnut è il fiore per le persone che sentono il bisogno di prendersi cura dei propri cari e di essere rassicurate  circa il benessere degli altri. Proiettano le proprie insicurezze sugli altri con la tendenza a soffocarle con le loro ansie. Sentono il desiderio di tenere i propri cari a loro vicino, avendo visioni di disgrazie incombenti  su di loro. Red Chestnut ha una  personalità sensibile a cure esoteriche, spirituali e ipnosi.
Sintomi generali: ansia   da anticipazione,  paura, vive in uno stato continuo di apprensione premonitrice di eventi sgradevoli che possono accadere alle persone care.
Sintomi fisici:  disturbi neurovegetativi, turbe fisiologiche, rigidità alla nuca e del trapezio.

Affermazioni ricorrenti
“Sono stato in pensiero, non mi hai fatto dormire per tutta la notte”.
“Sono preoccupato per le persone care”.
“Sono tormentato da pensieri di avversità che potrebbero accadere ai miei cari”.
 “Penso sempre a cose negative che potrebbero succedere ai miei figli”.

Rimedi complementari
Guaritori: Mimulus e Rock Rose. Assistenti: Aspen e Cherry Plum.

Azione
Sviluppa la carità e l’ottimismo, ridimensiona il senso di colpa a tutela della propria personalità, stimola a pensieri positivi.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i rami fioriti col metodo della decozione.

ROCK ROSE

(Helianthenum nummularium L.)

schede-fiori-di-bach-rock-rose

Descrizione botanica: Helianthenum   nummularium L.
Famiglia: Cistaceae.
Sinonimi: Eliantemo.
Nome inglese: Rock Rose.
Nome francese: Hèlianthemé vulgaire.
Habitat: pianta comune in Europa, cresce su terreni calcarei e prati secchi,  rampicante folto e ramificato, fiorisce  tra giugno e settembre, con  fiori gialli brillanti, singoli o doppi.
Signature: nome derivante dal greco helios, sole e dal latino nummulus, moneta, letteralmente moneta al sole. L’eliantemo presenta piccoli fiori con diametro di circa un  centimetro, con petali stropicciati che si staccano durante la raccolta. Il colore giallo simboleggia il potere, il coraggio guaritore della paura e del panico.    

Descrizione del dr. E. Bach
”Il rimedio del pronto soccorso. Il rimedio di emergenza per casi senza speranza. In caso di  incidente, di  malattia improvvisa o quando il paziente è molto impaurito,  terrorizzato  o le sue condizione sono talmente serie da  causare grande paura a quelli che gli stanno intorno. Se  il paziente non è cosciente le labbra possono essere inumidite con il rimedio”.

schede-fiori-di-bach-rock-rose2Categoria archetipa
Per coloro che hanno paura, unico fiore della categoria guaritori  non costituzionale. Categoria guaritori.

Alterazione caratteristica   
Panico e terrore  causato da  trauma violento: incidenti, soffocamento, febbre improvvisa.

Tipologia
Rimedio di pronto soccorso per persone in preda al panico e terrore causato da trauma improvviso. Soggetto che vive in preda al paura di morte imminente, del suicidio o di forze soprannaturali, vive le conseguenze di un trauma recente o pregresso non risolto.
Rock Rose è il fiore per le persone che non osano ribellarsi a persone ritenute più forti; per le sensazioni di impotenza e di continuo allarme interiore, con la paura inconscia di venire punito o braccato, angoscia e paura folle. È il fiore della paura da  panico, per le persone che si sentono bloccate con perdita dei riflessi e della lucidità.
Sintomi generali: vive in un stato di terrore e di panico che si manifesta nelle attività relazionali, impedendogli di condurre una vita regolare.
Sintomi fisici: utile in casi di paralisi, perdita della vista o dell’udito momentaneo, eritemi improvvisi, tremore da freddo, dolori o sensazione  di blocco del plesso solare.
Rimedio di emergenza per  il terrore, per il trauma fisico e mentale da incidente. Ingrediente importante in Rescue Remedy.

Affermazioni ricorrenti
“Sono spaventato da morire”.
“Vengo preso dal panico con tachicardia, sudorazioni delle mani e diarrea”.
“Mi trovo in una situazione senza via d’uscita”.
“Sono disperato, ho paura della morte, delle malattie di impazzire”.
“Mi addormento con la paura di non risvegliarmi”.

Rimedi complementari
Guaritori: Mimulus: Assistenti: Aspen, Cherry plum e Red Chestnut.

Azione
Rimedio che sviluppa il controllo e il coraggio.
Per uso topico come pronto soccorso alcune gocce sulla fronte, lobi dell’orecchio, polsi.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i fiori macerati col metodo dell’infusione solare.

ROCK WATER

(Acqua di fonte)

schede-fiori-di-bach-acqua-di-fonte

Descrizione botanica: Acqua di fonte.
Sinonimi: Acqua di fonte.
Nome inglese: Rock water.
Nome francese: Eau de source, Eau de roche.
Habitat: acqua purissima di sorgente, alla fonte, anodina, selvatica,  non inquinata; si ricollega all’episodio biblico dell’Antico Testamento di Meriba, dove Mosè fa sgorgare acqua dalla roccia per superare l’ostilità e la rigidità degli Israeliti nei confronti di Dio.
Signature: l’acqua elemento fondamentale della vita, dal latino aqua, liquido limpido, trasparente, simboleggia la purezza, la limpidezza e la perfezione. È l’unico rimedio floreale di Bach che non è un fiore. In fisica nel diagramma di stato dell’acqua  è rappresenta il punto triplo o punto crioscopico,  in cui si esprime la coesistenza dei tre stati della materia: liquido ( acqua, solvente liquido per eccellenza, esempio della perfezione), solido (ghiaccio, cristallizzazione, rigidità statica, durezza, freddo) e gassoso (gas, vapore, sviluppo etereo, spiritualità).

Descrizione del dr. E. Bach
“Per coloro che sono molto severi nel loro modo di vivere; rifiutano le gioie e i piaceri perché ritengono che potrebbero interferire con il loro lavoro. Sono padroni duri e severi con se stessi. Vogliono essere sani, forti, duri e fanno tutto ciò che ritengono necessario per tenersi in forma. Sperano di essere esempi per gli altri e di trasmettere le loro idee per essere migliori”.

schede-fiori-di-bach-acqua-di-fonte2Categoria archetipa
Preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri. Categoria aiuti.

Alterazione caratteristica
Soggetti molto duri con se stessi fino a reprimere i propri bisogni vitali.

Tipologia
I soggetti Rock Water non accettano compromessi, sono  indifferenti ai piaceri della tavola, del sesso e del  divertimento; eccessi della personalità, hanno tratti del viso duri e spigolosi.
Soggetto che si sentono o tutto di un pezzo; questo atteggiamento col tempo impedisce all’energia di fluire e di manifestarsi in emozione.
Rock Water è l’unico fiore non fiore, esso serve per ammorbidire le nostre rigidità, come l’acqua che leviga la roccia. Rock Water persegue alti ideali, religiosi e di principio che non condivide con altri, ma che attua nella propria vita con ostinata semplicità, schematicità e con l’intento di essere d’esempio agli altri. La sua preoccupazione la estrinseca indicando agli altri la via degli ideali e dei principi religiosi.
Soggetto rigido con se stesso, rispettoso delle regole, di alti principi. Si preoccupa  del benessere spirituale degli altri.
Sintomi generali: narcisismo, ipercritico, eccessiva criticità nei confronti di se stessi e degli altri che si manifesta con egocentrismo, severità,  perfezionismo,  rigidità mentale. Spinti dalla conoscenza interiore, diventano viandanti alla ricerche di sé.
Sintomi fisici: intolleranza,  rigidità della nuca con artrosi cervicale, rigidità articolare, muscolare, contrazioni del diaframma, torcicollo miogeno; la donna Rock Water sovente presenta mestruazioni dolorose spastiche.

Affermazioni ricorrenti
“Sono rigoroso e molto duro con me stesso”.
“Mi autocontrollo reprimendo i miei desideri”.
“Mi impongo regole ferree e austere”.
“I miei pensieri si concentrano sulla mia persona”.
“Sono severo con me stesso e con gli altri”.
“Amo la perfezione  e le regole”.

Rimedi complementari
Guaritori:Chicory e Vervain. Aiuti: Vine. Assistenti: Beech.

Azione
Il fiore sviluppa tenerezza, flessibilità mentale unita ad una maggiore  capacità affettiva  verso  i  propri  simili.  Sviluppa umiltà, dolcezza, tolleranza, flessibilità, rispetto delle necessità umane, imparare a seguire la voce dell’anima e non la rigidità del dogma.

Metodo di Preparazione
Metodo dell’infusione solare applicato alla raccolta di acqua in estate per tre ore.

SCLERANTHUS

(Scleranthus annuus L.)

schede-fiori-di-bach-scleranthus

Descrizione botanica: Scleranthus annuus L.
Famiglia: Cariofillaceae.
Sinonimi: Scleranto, Centiograni.
Nome inglese: Knawel, German Knotgrass.
Nome francese: Scléranthe annuel, Alène.
Habitat: pianta annuale, diffusa in Europa, cresce in luoghi aperti, nei campi di grano, sui terreni sabbiosi e ghiaiosi e su prati asciutti. Pianta cespugliosa o rampicante, dai gambi contorti, raggiunge un’altezza tra 50 e 70 cm. Fiorisce tra luglio e settembre con piccoli cespi di fiori verde pallido o verde scuro.
Signature: pianta dall’aspetto secco e filiforme, si sviluppa tra i sassi. Cresce su terreni sabbiosi convivendo con i conigli. I movimenti a scatto e labirintici dei conigli rappresentano l’espressione dei pensieri dello Scleranthus che in dubbio tra due cose, sviluppa un’infinità di dubbi successivi, come in un labirinto senza via d’uscita.    

Descrizione del dr. E. Bach
 “Per coloro che soffrono molto da  non essere in grado di decidere tra due cose, sembrando la prima più giusta della seconda e viceversa. Sono persone  di solito tranquille che sopportano da sole le loro difficoltà, e non sono disponibili a  discuterle con altri”.

schede-fiori-di-bach-scleranthus2Categoria achetipa
Per coloro che soffrono di incertezza. Fiore costituzionale, categoria guaritori.

Alterazione caratteristica
Persone indecise, incostanti, interiormente instabili, di  opinioni e umore variabile.

Tipologia
Indeciso e instabile, Scleranthus influisce sia sulle piccole decisioni che sulle grandi. Tipo astenico, snello, di umore variabile, cambia spesso modo di vestirsi e il colore dei capelli. Si esprime con movimenti drastici, gesticola bruscamente, sbadato e scostante.
Scleranthus è utile alle persone che non riescono a prendere una decisione, che non riescono a scegliere tra due cose che lo attirano. Mutevole e indecise, mancano di concentrazione; sono esitanti, instabili e tendono a non tener fede alla parola data.
Hanno mancanza di equilibrio interiore; eclettici cambiano facilmente umore, idee e vestiti, sono insoddisfatti e vivono l’eterno conflitto tra razionalità e cuore.
È il fiore utile nell’incertezza di decidere e scegliere fra due possibilità certe della vita.
Sintomi generali: manifesta oscillazione del peso corporeo, variabilità pressoria, alternanza tra diarrea e stitichezza. Mancanza di equilibrio energetico e di equilibrio psicofisico.
Sintomi fisici: può sviluppare disturbi dell’apparato vestibolare, vertigini, vomito, chinetosi.  

Affermazioni ricorrenti
“Non so proprio cosa fare”.
“Non sono deciso sulle scelte, ma voglio decidere da solo”.
“Alcuni giorni mi sento disponibili e gioviale, altri di cattivo umore e intrattabile”.
“Perdo facilmente il controllo, con sbalzi di umori”.

Rimedi complementari
Guaritori: Cerato e Gentian. Aiuti: Gorse e Wild Oat. Assistenti: Hornbeam.

Azione
Sviluppa fermezza, armonia interiore e forza di decisione. Fa concretizzare l’affermazione delle proprie idee e l’assertività della propria personalità.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i fiori e le sommità fiorite col metodo dell’infusione solare.

STAR OF BETHLEHEM

(Ornithogalum umbellatum L.)

schede-fiori-di-bach-star-of-bethlehem

Descrizione botanica: Ornitogallum umbellatum L.
Famiglia: Liliaceae.
Sinonimi: Stella di Betlemme, Latte di gallina, bella undici ore.
Nome inglese: Star of Bethlehem.
Nome francese: Dame d’onze heures, Étoile de Bethlehéem.
Habitat: pianta perenne diffusa in Europa, cresce nei prati e campi coltivati, fiore della famiglia della cipolla e dell’aglio, alto tra 15 e 30 cm con le foglie slanciate ed attraversate medialmente  da una lunga linea bianca. I fiori presentano striature  verdi all’esterno e bianche all’interno, si schiudono in aprile e in maggio soltanto al sole.
Signature: il nome generico deriva dal greco, ornis, gallina e gala, latte, letteralmente latte di gallina, si riferisce al latice bianco che fuoriesce dai rami spezzati e al colore bianco latteo dei fiori. Fiore a forma di stella a sei punte, come la stella di David, simboleggia gli opposti che coincidono. Legge del dualismo cosmico e della vita, degli opposti simmetrici, del micro e del macrocosmo, del tao. La stella a sei  punte si forma da due triangoli che ascendono dalla terra e discendono dal cielo  fino a sovrapporsi.
I fiori che si schiudono al sole simboleggiano il risveglio, della personalità per opera dell’energia del creato.    

Descrizione del dr. E. Bach
“Per quelli che si sentono in gran pena per condizioni  che li rendono infelici in seguito a cattive notizie,  la perdita di una persona cara, per lo spavento in seguito ad incidente. Per quelli che rifiutano di essere consolati,  rimedio porta a conforto”.

schede-fiori-di-bach-star-of-bethlehem2Categoria archetipa
Scoraggiamento o disperazione. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Fiore consolatore dell’anima, postumi di  trauma e shock non superati, libera da blocchi emozionali energetici.

Tipologia
Per persone che rifiutano di essere consolate, si presentano triste e pensierose,  prive di energia interiore con tendenza al mutismo. Hanno subito un trauma da distacco e conservano i segni della ferita in seguito ad eventi traumatici per incidenti o per la perdita di persone care.  
Star of Bethlehem, rappresenta il fiore dei traumi fisici e degli shock emozionali, utile in tutti quei casi in cui l’energia vitale della persona è bloccata dallo shock subito. Va usato in caso di incidente, di una brutta notizia improvvisa, di uno spavento o di una delusione dolorosa.
Rimedio per lo scoraggiamento conseguente ad un trauma o un’esperienza negativa del passato.  
Sintomi generali: persona scontrosa, inattiva, abitudinaria, soffre di vittimismo, con postumi da trauma emozionali in seguito ad incidenti o eventi luttuosi. Aspetto pallido con voce bassa e rauca, andatura instabile, barcollante.
Sintomi fisici: apatia, blocchi psicologici, insensibilità emozionale, frigidità,                               disfunzioni tiroidee e del mestruo, congestione linfatica. Cicatrizzante delle ferite mortali e fisiche.
Componente del Rescue Remedy per l’azione antitraumatica di sblocco emozionale.

Affermazioni ricorrenti
“Soffro di blocco emozionale a causa di un trauma, di un dispiacere”.
“Ho bisogno di essere consolato”.
“Mi sento sotto shock”.
“È stata un’esperienza che mi ha profondamente scossa”.
“Mi lascio sopprimere dalle emozioni”.

Rimedi complementari
Aiuti: Oak: Assistenti: Crab Apple, Elm, Larch, Pine, Sweet Chestnut e Willow.

Azione
Il fiore sviluppa il risveglio, fa riacquista la capacità di fronteggiare qualsiasi brutta situazione, rimuovendo il blocco emozionale ed energetico. calma, cura e conferisce un senso di calma interiore, lenisce il dolore dell’anima e del corpo.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano le sommità fiorite col metodo della decozione.

SWEET CHESTNUT

(Castanea sativa Miller)

schede-fiori-di-bach-sweet-chestnut

Descrizione botanica. Castanea sativa Miller.
Famiglia: Fagaceae.
Sinonimi: Castagna, Marrone.
Nome inglese: Swett chestnut.
Nome francese: Chàtaignier.
Habitat: diffuso in Europa, introdotto dall’Iran già nel V sec. a. C., cresce facilmente in collina e montagna, nei boschi e su terreno soffice e umido, raggiunge un’altezza fino a 20 metri, con  infiorescenze ad amento profumate che fioriscono  dopo la formazione del fogliame tra giugno ed agosto.
Signature: castagna commestibile, albero amante del sole e della luce, albero dell’immortalità. Ha fiori femminili verdi che irradiano luce ed energia, e simboleggiano il rinnovamento spirituale. I fiori maschili, di colore giallo chiaro, profumati, simboleggiano la sensibilità e l’intuizione. È considerato il  fiore che sviluppa la spiritualità.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per quelle persone in cui, in certi momenti,  l’angoscia è così grande da essere insopportabile. Quando la mente o il corpo raggiungono il limite estremo della sopportazione e quando sembra che ci sia solo  la  distruzione e l’annientamento da ronteggiare”.

schede-fiori-di-bach-sweet-chestnut2Categoria archetipa
Scoraggiamento o disperazione. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Stato di disperazione profonda, ai limiti della sopportazione. Angoscia esistenziale con perdita dei valori di riferimento.

Tipologia
Il rimedio per persone  prese da una disperazione terrificante e finale, tutto diventa buio, con grave senso di  sconfitta imminente ed ineluttabile. Sono persone che hanno perso i riferimenti e la direzione da seguire.
All’origine  di  questo stato ci sono esperienze  negative di diverso tipo, vissute in modo tragico. Causate spesso da avvenimenti drammatici nella vita del soggetto, in particolari riguardanti la rinuncia della propria autonomia e personalità. Rappresenta il fiore delle somatizzazioni psicosomatiche.
Sweet Chestnut è il fiore che permette di illuminare nuovamente il cammino della propria vita, quando si ha la sensazione di essere in un tunnel, in quei momenti  in cui  tutto è ormai inutile, anche se non lo si dice, anche se non lo si ammette.
Nelle persone afflitte da scoraggiamento Oak ed Elm ridanno energia, mentre Sweet Chestnut aggiunge la speranza.
Il soggetto Sweet Chestnut vive senza nessuna  speranza, ha la sensazione di sentirsi perso ed abbandonato al proprio destino. È il fiore della somatizzazione, il corpo diventa l’interlocutore e il mezzo per comunicare il disagio interiore.
Sintomi generali: soggetto psicologicamente chiuso in se stesso, interiormente a limite delle sue risorse, con forte angoscia, depressione assoluta, desolazione e sconforto.
Sintomi fisici: tristezza, sensazione di vuoto e di peso sul petto, disturbi di natura psicosomatica.

Affermazioni ricorrenti
“Mi sento in un vicolo cieco”.
“Ho perso la fiducia, la fede”,
“Mi sento perso, non vedo una soluzione”.
“Mi sento a limite delle forze”.
“Credo che sia arrivata la mia ultima ora”.

Rimedi complementari:
Aiuti: Oak. Assistenti: Crab Apple, Elm, Larch, Pine, Star of Bethehem e Willow.

Azione
Il fiore sviluppa la speranza, l’angoscia e la disperazione  spariscono per dare spazio alla fiducia e sicurezza. Sviluppa il coraggio e la fede profonda perrealizzazione spirituale e la capacità di ritrovare la propria Luce interiore.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i rami fioriti col metodo della decozione.

VERVAIN

(Verbena officinalis L.)

schede-fiori-di-bach-vervain

Descrizione botanica: Verbena officinalis L.
Famiglia: Verenaceae.
Sinonimi: Verbena.
Nome inglese: Vervain.
Nome francese: Verveine officinale.
Habitat: pianta perenne diffusa in Europa, cresce in terreni incolti, sottile ed eretta, può arrivare ad un’altezza di 60 cm, con  piccoli fiori inferiori di colore lilla o malva che si aprono tra luglio e settembre.
Signature: pianta che sembra fatta da filo di ferro. Usata dai Celti e Germani per spazzare gli altari, veniva ritenuta  con virtù magiche. I romani preparavano ghirlande intrecciate di Verbena  per incoronare gli ambasciatori. Vervain cresce in campi incolti e lungo i margini delle strade. Di aspetto sottile e rigido il suo fusto emerge e si eleva verso il cielo, simbolo della sua missione e del suo amore che vuole trasmettere agli altri.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per quelli hanno  principi e  idee preconcette, che credono giuste e molto raramente cambiano. Hanno un grande desiderio di convertire tutte le persone  che condividono le  loro vedute sulla vita. Sono molto forti ed esprimono molto coraggio sulle convinzioni che vorrebbero  insegnare. In caso  di malattia lottano a lungo là dove altri avrebbero  rinunciato”.

schede-fiori-di-bach-vervain2Categoria archetipa
Preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri. Fiore costituzionale, categoria guaritori.

Alterazione caratteristica
Impegno eccessivo per le cause a cui credono. Idealista che non sopporta le ingiustizie.

Tipologia
Personalità forte, aperta, passionale, impegnata, dominante, affascinante, vista con interesse, figura di leader autoritario che diventa autorevole: Perfezionisti con un forte senso  di giustizia e con sviluppata energia mentale che riversano  volontariamente nelle cause in cui credono e in organizzazioni a scopi umanitarie. Esprimono un entusiasmo che può essere contagioso e sentono una irrinunciabile necessità di convincere gli altri del proprio punto di vista; non è l’impegno ma l’atteggiamento che tende al successo.
Vervain condivide ogni suo entusiasmo con gli altri, ogni suo parere, a volte addirittura fanatismo, diventa bisogno di convincere gli altri. Vervain non sopporta le ingiustizie. Ed ogni piccola ingiustizia diventa una crociata.
Rock Water lavora sulla rigidità con tratti forti e duri, Vervain contribuisce a gestire l’entusiasmo senza essere fanatici.
Soggetto entusiasta, vuole assolutamente convincere gli altri delle proprie opinioni. Non sopporta le ingiustizie e  spesso si rende artefice di battaglie contro le ingiustizie.
Il soggetto Vervain possiede grandi doti di idealismo e si dedica totalmente alla causa in cui crede. La sua convinzione  e giustezza delle proprie idee e le sue innate qualità carismatiche possono degenerare fino al fanatismo, in tal caso il suo zelo può sopraffare gli altri impedendo loro di partecipare liberamente e concretamente alla causa comune.
Sintomi generali: soggetto nervoso, duro, irritabile, si irrita se viene contraddetto.
Sintomi fisici: soffre di cefalee, lesioni muscolari, congestioni e disturbi della pressione.

Affermazioni ricorrenti
“So io qual è la cosa giusta da fare”.
“Sono convinto delle mie opinioni,  so di sapere tutto”.
“Ho molta volontà, sono entusiasta, mi sento autoritario”.
“Le ingiustizie non possono passare inosservate”.

Rimedi complementari
Guaritori: Chicory. Aiuti: Rock Water. Assistenti: Beech.

Azione
Il fiore sviluppa tolleranza, moderazione, ed equilibrio; idealismo pratico e  rispetto delle opinioni altrui; fa rapportare con gli altri  con rispetto, dolcezza e serenità.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i fiori macerati col metodo dell’infusione solare.

VINE

(Vitis vinifera L.)

schede-fiori-di-bach-vine

Descrizione botanica: Vitis vinifera L.
Famiglia: Vitaceae.
Sinonimi: Vite, Uva, Agrestone.
Nome inglese: Vine. Grape, Grape seed.
Nome francese: Vigne rouge.
Habitat: è una pianta rampicante molto comune e diffusa in Europa che arriva fino a 15 metri e oltre, cresce in paesi piuttosto caldi, i suoi fiori verdi e profumati formano grappoli compatti, il periodo della fioritura varia secondo il clima.
Signature: la vite, arbusto originario dell’Asia Minore, coltivato dagli Egizi e dai Greci, simbolo del culto di Dioniso ed usata per gli ornamenti del suo tempio, simboleggia l’anima, si sviluppa e cresce avviluppando tutto ciò che la circonda. Ha  robuste radici che esprimono la voglia del potere  e del suo radicamento.  Espressione dello stato Vine del dominio e dell’arrampicatore sociale.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per coloro che sono molto capaci, sicuri di se stessi, fiduciosi  del proprio  successo. Con tale sicurezza pensano che sarebbe nell’interesse degli altri che seguissero il loro modo di fare perché ritengono che cosi vada fatto. Anche in malattia dirigono i loro dipendenti. Possono essere di grande valore nell’emergenza”.

schede-fiori-di-bach-vine2Categoria archetipa
Preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri. Categoria aiuti.

Alterazione caratteristica
Colui che vuole imporre la propria volontà agli altri, autoritario, prepotente, aggressivo e ambizioso.

Tipologia
Personalità molto forte, uomini molto sicuri, spesso leader dominanti, esigono ubbidienza assoluta, impongono la disciplina, desiderio di potere e eccessiva ambizione. Nei bambini si sviluppa un senso di crudeltà; le donne sono tenaci, fredde e dure.
Sono persone che hanno subito prepotenze e maltrattamenti. Vine impersona il tiranno, di carattere intollerante, non ammette discussioni, duro,  severo, con spiccato senso di superiorità, può assumere atteggiamenti violenti.
Vine è il fiore che rappresenta il grande capo, con lui non si discute, ma, si esegue. La personalità Vine si riconosce perché dispone per gli altri e ordina agli altri cosa devono fare. È un fiore che non si preoccupa degli altri, ma di cosa devono fare. Utile per tutte quelle persone e bambini che dettano legge a casa, tra gli amici e sul lavoro.
Il rimedio Vine permette di relazionarsi con gli altri, e di mettere a disposizione di tutti le sue capacità manageriali.
Non considerano le opinioni degli altri: pretendono ubbidienza incondizionata. Impongono a tutti la loro volontà, non sono interessati a convertire gli altri al loro modo di pensare, ma vogliono solo essere ubbiditi.
Sintomi generali:  soggetto alto, con torace sviluppato, portato al comando, emotivo, non tollera contrasti al proprio potere, iperattivo ed egocentrico, razionale e mentalmente organizzato.
Sintomi fisici: rigidità, rigidità mentale, patologie del manager, cefalee, ipertensione arteriosa, nevrosi ossessiva, mania per la pulizia, arteriosclerosi, dolore di schiena.

Affermazioni ricorrenti:
“Non sono portato ad ubbidire, eseguire ordini”.
“Sono molto ambizioso e so quello che voglio”.
“Sono esigente, spietato, determinato”.
“Mi sento sicuro e soddisfatto quando posso dominare sugli altri”.
“Non accetto le opinioni altrui”.
“Nelle situazioni difficili assumo il comando”.

Rimedi complementari
Guaritori: Cicory e Vervain. Aiuti: Rock Water. Assistenti: Beech.

Azione
Il fiore sviluppa benevolenza e indirizza l’ambizione nella direzione della saggezza. I soggetti Vine  diventano guide sagge, cortesi e affettuose che possono ispirare e condurre altri senza ricorrere a forzature. Sviluppa  disponibilità altruistica e comprensiva verso gli altri, esercitando l’autorità in modo equilibrato e riconoscendo il valore degli altri.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano le sommità fiorite macerate col metodo dell’infusione solare.

WALNUT

(Juglans regia L.)

schede-fiori-di-bach-walnut

Descrizione botanica: Juglas regia L.
Famiglia: Juglandaceae.
Sinonimi: Noce.
Nome inglese: Walnut.
Nome francese: Noyer commun.
Habitat: albero tipico del sud-est Europa, dall’Asia ai Balcani, può  raggiunge un’altezza fino a 30 metri e cresce vicino alle siepi e nei frutteti, con numerosi fiori maschili. I fiori femminili, meno numerosi, di colore verdognolo, crescono sulla stessa pianta, fioriscono in aprile o maggio, poco prima o in concomitanza col fogliame.
Signature: pianta dedicata a una Grande Madre, il Noce ha sempre avuto una duplice valenza, di vita e di morte. I latini chiamavano questo albero Jovis glans, ghianda di Giove abbreviato in Juglans, regia, ghiandola reale, simboleggia col suo frutto, il guscio di noce, i due emisferi del cervello, come se volesse esprimere una sorta di protezione mentale. Albero con fiori maschili e femminili, ha le foglie che producono una sostanza insettorepellente, denominata juglone, che tramite  la pioggia, viene trascinata e disperso sul terreno sottostante svolgendo un’azione diserbante, evitando  la crescita di altre piante nello spazio sottostante le fronde.    

Descrizione del dr. E. Bach
“Per quelli che hanno gli ideali definiti e le ambizioni nella vita e li soddisfano, ma che, in  rare occasioni sono tentati di deviare dalle loro idee e obiettivi, spinti dall’entusiasmo, dalle convinzioni o dalle o forti idee di altri. Il rimedio assicura costanza e protezione dalle influenze esterne”.

schede-fiori-di-bach-walnut2Categoria achetipa
Ipersensibilità alle influenze e alle idee. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Soggetto insicuro, volubile,  incerto e influenzabile per i cambiamenti incipienti. Legato al passato col pensiero rivolto al futuro.

Tipologia
Persone indecisione, rimandano facilmente al giorno  dopo, introverse e bugiarde, scontrose, ostinate e musone. Volubili,  cambiano facilmente affetti. Personalità molto aperta e influenzabile. La difficoltà ai cambiamenti è definita sindrome di Walnut che si manifesta nei cambiamenti biologici: dentizione, pubertà, gravidanza, menopausa. Oppure nei cambiamenti di vita: trasferimenti, cambiamenti di lavoro, divorzio, allontanamento da persone care.
Walnut è il  fiore che permette di crearsi uno  schermo dalle influenze e ingerenze esterne; rafforza la propria personalità non lasciandosi coinvolgere da persone ed avvenimenti.
Rappresenta il rimedio per attenuare le influenze dei  cambiamenti. È utile nei percorsi spirituali perché facilita il passaggio da un livello all’altro e protegge da influenze negative di pensieri, da radiazioni e onde elettromagnetiche. È considerato il fiore di protezione dei terapeuti insieme a Vervain e Crab Aplle (formula citata nel libro Manuale di floriterapia di M.M. Mijnlieff, floriterapeuta olandese).
Sintomi generali: soggetti che presentano difficoltà ai cambiamenti, soffrono di disturbi dei cambiamenti climatici: geopatici e metereopatici.
Sintomi fisici: mal di denti e mal di stomaco, caduta dei capelli sia da cambiamento stagionale che da distacco affettivo. Utile emostatico per epistassi nasali, emorragie, ferite da taglioli, metrorragie.

Affermazioni ricorrenti
“Sento che qualcosa dentro di stia cambiando, ma non so cosa”.
“I miei ideali mi impediscono di seguire nuove idee”.
“Sono indeciso, influenzabile, non riesco a fare il passo definitivo”.
“Mi sento creativo ed originale”.
“Mi sento bloccato dai cambiamenti che stanno per sopraggiungere”.

Rimedi complementari
Guaritori: Agrimony. Assistenti: Holly.

Azione
Il fiore facilita il cambiamento e le decisioni ad esso connesse,   adattandosi con serenità alle nuove situazioni: insegna che la vita è cambiamento ed, evoluzione. Libera dalle influenze limitanti; incute coraggio per seguire la propria strada e la propria vocazione.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano I giovani rami con fiori col metodo della decozione.

WATER VIOLET

(Hottonia palustris L.)

schede-fiori-di-bach-water-violet

Descrizione botanica: Hottonia palustris L.
Famiglia: Primulaceae
Sinonimi: Violetta d’acqua.
Nome inglese: Water violet.
Nome francese: Hottonie des marais, Violette d’Eau..
Habitat: pianta perenne acquatica, cresce in Europa, fa parte della famiglia delle primule,  fiorisce tra maggio e giugno nelle acque stagnanti o a corso lento, negli stagni o nei fossi, con  fiori di colore lilla pallido con il centro giallo,  disposti a spirale intorno allo stelo privo di foglie. Le foglie a forma di piume rimangono sotto la superficie dell’acqua.
Signature: il nome Hottonia deriva da Hotton,  botanico tedesco, e da palustris, palude. Pianta che cresce dove l’acqua scorre lentamente. È una pianta acquatica, segno dell’isolamento in cui vive per sua scelta.  Spesso si sviluppa in stagni e paludi, attorniata da insetti, rospi e zanzare. La sua forza è nell’acqua dove le sue foglie e  radici  vegetano sommerse. Simbolicamente esprime la peculiarità dell’isolamento tra la convivenza.  

Descrizione del dr. E. Bach
“Per persone  che in salute o malattia amano stare  sole. Gente tranquilla, silenziosa, che non fa rumore, parlano poco e in modo gentile. Indipendenti, capaci e fiduciosi dei propri nelle proprie capacità, libera  dalle opinioni altrui. Amano vivere in disparte, da sole e seguire le il proprio sentiero. Spesso intelligenti e molto dotate. La loro tranquillità  e la calma è un beneficio per  quelli vivono vicino a loro”.

schede-fiori-di-bach-water-violet2Categoria achetipa
Solitudine, per quelli che preferiscono stare da soli, in disparte. Fiore costituzionale, categoria guaritori.

Alterazione caratteristica
Soggetti che vivono in solitudine volutamente cercata, intelligenti e dotati, orgogliosi con  senso di superiorità.

Tipologia
Sono persone molto dotate e capaci la  cui indipendenza e autonomia può farli sembrare orgogliose e sdegnose. La personalità  Water Violet è sinceramente silenziosa e dignitosa;  preferisce la privacy, del proprio ambiente o quello di alcuni di amici, dove la riservatezza viene preservata. Preferisce non invadere gli altri e non essere coinvolto, però, se viene interpellato non si rifiuta.
Water Violet sono  persone che scelgono la solitudine come stile di vita, sono persone sagge, ma distaccate, preferiscono condurre una vita tranquilla nella propria casa e nel proprio ambiente. Sono personalità forti esteriormente e fragili interiormente.  Non amano mischiarsi agli altri, pur essendo molto ricercati dagli altri per i loro saggi consigli. Possono essere facilmente confusi con le persone Mimulus, ma queste ultime rifuggono dagli altri per paura, mentre i Water Violet per distacco.
Sono persone che scelgono la solitudine perché non sentono  il bisogno di uscire con gli altri. Sono persone responsabili che gli altri apprezzano e ricercano, pur essendo un pò distaccate e dimostrano orgoglio, superiorità e intolleranza.
Sintomi generali: nei rapporti sociali sono emotivamente fredde, intuitive e sensibili individualisti, autosufficienti e non amano la contraddizione.
Sintomi fisici. accusano disturbi articolari, reumatismi, ipertensione ed eczemi alle mani.

Affermazioni ricorrenti
“Preferisco  stare solo”.
“Amo la solitudine, evito le discussioni”.
“Seguo la mia strada con molto coraggio”.
“Spesso mi accusano di mostrare un senso di superiorità”.

Rimedi complementari
Guaritori: Impatiens. Aiuti: Heather.

Azione
Il fiore sviluppa gioia e umiltà,  il rimedio aiuta ad essere più  coinvolti nel sociale. Sviluppa accettazione e rispetto verso gli altri e per loro modo di essere.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i fiori macerati col metodo dell’infusione solare.

WHITE CHESTNUT

(Aesculus hippocastanum L.)

schede-fiori-di-bach-white-chestnut

Descrizione botanica: Aesculus hippocastanum L.
Famiglia: Aceraceae.
Sinonimi: Ippocastano. Castagna equina.
Nome inglese: White Chesnut.
Nome francese: Marronier d’Inde, Chestnut Blanc.
Habitat: albero introdotto in Europa nel XVII sec., proveniente dalla penisola Balcanica, diffuso  nei parchi e giardini, fiorisce alla fine di maggio o all’inizio di giugno. I fiori superiori dell’albero sono maschili, quelli inferiori femminili,  inizialmente sono di colore è bianco-giallognolo, poi si formano delle macchie rossastre.
Signature: l’Aesculus hippocastanum, viene utilizzato due volte da Bach, in White chestnut si utilizzano i fiori di colore giallo e con striature rosse, che simboleggiano l’intelletto, la volontà e il potere personale.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per quelli che non possono evitare pensieri, idee, che non desiderano. Di solito accade quando l’interesse del momento non è forte abbastanza per tenere occupata del tutto la loro mente. Pensieri che  preoccupano, se cacciati momentaneamente, ritorneranno. Sembra che essi girano continuamente per   causare tortura mentale. La presenza di questi pensieri spiacevoli toglie la pace e impedisce di  pensare al lavoro o al  piacere quotidiano”.

schede-fiori-di-bach-white-chestnut2Categoria archetipa
Insufficienza di interesse per il presente. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Pensieri ricorrenti che occupano la mente e di cui non si riesce a liberarsi.

Tipologia
Soggetti con pensieri che affollano la mente, idee fisse ed ossessive senza alcun collegamento con la realtà. Soggetto di costituzione generalmente magra, irrequieto, isterico, vive in uno stato di congestione mentale e di eretismo ideativo, non riesce a prendere sonno, la testa sembra che scoppi, ha difficoltà di concentrazione e pensieri ripetitivi e ricorrenti che non riesce a togliersi dalla mente.
Sono persone che sono prese da pensieri continui, anche senza volerlo. I problemi diventano  asfissianti, in quanto la mente rimugina continuamente lo stesso pensiero.
È considerato il fiore delle idee fisse, ripetitive, del cosiddetto  “disco rigato”.
Sintomi generali: isterismo, irrequieto, vive in uno stato di congestione mentale,
Sintomi fisici: la testa sembra che stia scoppiando, mal di testa, insonnia con difficoltà ad addormentarsi, difficoltà di concentrazione, digrigna i denti.

Affermazioni ricorrenti
“Mi sento preso dai miei pensieri che girano continuamente nella mia testa”.
“I miei pensieri mi perseguitano senza poterli eliminare”.
“Sono mentalmente preso ad elaborare progetti”.
“Sono logorroico, mi sembra che mi parli addosso”.
“Ripenso ad una discussione ed a cosa avrei dovuto dire”.

Rimedi complementari
Guaritori: Clematis. Aiuti: Olive. Assitenti: Chestnut Bud, Mustard, Honeysukle e Whild Rose.

Azione
Il fiore sviluppa serenità mentale e chiarezza delle idee. Aiuta a risolvere i problemi quotidiani della vita dando la giusta rilevanza e lasciando spazio nella mente a idee creative e costruttive.  

Metodo di Preparazione
Si utilizzano le sommità fiorite macerate col metodo dell’infusione solare, unico assistente preparato con questo metodo.

WILD OAT

(Bromus ramosus L.)

schede-fiori-di-bach-wild-oat

Descrizione botanica: Bromus ramosus L.
Famiglia: Graminaceae.
Sinonimi: Avena selvatica.
Nome inglese: Wild oat.
Nome francese: Brome rude, Folle Avoine.
Habitat: pianta perenne diffusa in Europa, alta tra 60 e 120 cm è molto diffusa in Inghilterra e cresce nei boschi umidi, tra i fitti arbusti e vicino ai sentieri, i fiori di ambo i sessi sono nascosti tra le infiorescenze.
Signature: è l’unica pianta appartenente alla famiglia delle graminacee presente nel sistema floreale di Bach. Il nome bromus, significa alimento e ramosus, ramificato. Pianta ricca di minerali e vitamine, in particolare di selenio,  si sviluppa in altezza con uno stelo sottile e resistente che si orienta in tutte le direzioni sottoposte al vento senza piegarsi. Simbolicamente questa caratteristica esprime la mancanza di orientamento.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per quelli che ambiscono di fare qualcosa di importante nella vita, che desiderano fare  molte esperienze, vivere intensamente e gioire di tutto ciò che offre la vita. Hanno difficoltà nel scegliere la loro vera professione da seguire,  benché le loro ambizioni siano forti, essi non hanno una particolare vocazione, questo può causare dispiacere e insoddisfazione”.

schede-fiori-di-bach-wild-oat2Categoria archetipa
Per coloro che soffrono di incertezza. Categoria aiuti.

Alterazione caratteristica
Difficoltà di decisione nelle scelte, ci si sente infelici in quanto non si trova uno scopo nella vita.

Tipologia
Personalità poliedrica con molte sfaccettature, tipica di chi si occupa di informazione. Si esprime con linguaggio non convenzionale, veste in modo originale. Si ritrova fuori posto sia nell’ambiente di lavoro che nel privato. Tipico dello studente che non riesce a decidere il suo percorso formativo. Non è determinato e perseverante, inizia un progetti e prima di realizzarlo ne incomincia un altro.
Wild Oat rappresenta le persone che vivono con la sensazione di insicurezza e insoddisfazione soprattutto nel lavoro, temono l’eccessivo impegno e hanno la tendenza ad iniziare progetti nuovi senza aver portato a termine i vecchi. Si prefiggono spesso alti traguardi ma, non sanno come raggiungerli e si perdono per strada.
Rappresenta i fiore utile quando ci troviamo nella difficoltà di decidere sulle molteplici possibilità di scelte che si presentano nella vita e non sappiamo cosa scegliere: è il fiore dell’indecisione generalizzata.
Sintomi generali: soggetto afflitto da crisi di dubbi con idee diverse, inconcludenti e contraddittorie, quindi, con stati d’animo ambivalenti. Di carattere volubile ed emotivo, cambia con facilità affetti e simpatie, rimanda al giorno dopo, bugiardo. Distaccato dagli altri, scontroso, nutre rancori, non disponibile alla riconciliazione, ostinato e vendicativo superbo, cicloide con alternanza di umore.
Sintomi fisici: malesseri vaghi allo stato  incipiente, bulimia con tendenza all’obesità, problemi della sfera sessuale, abulico, apatico, sindrome depressive.
È considerato un rimedio catalizzatore da utilizzare quando non si presenta in modo chiaro la tipologia del soggetto e i relativi sintomi; si associa ad Holly quando si trattano persone  energeticamente attive.

Affermazioni ricorrenti
“Riconosco di avere talento e non riesco a metterlo a frutto”.
“Ho tante possibilità, ma non riesco a definire la più valida”.
“Ho fatto molte attività ed esperienze lavorative, ma nulla mi soddisfa”.
“Sono scontento, timido, esitante e perplesso”.
“Sono alla continua ricerca della di appagare la mia vera vocazione”.
“La mia titubanza non mi fa prendere nessuna decisione”.

Rimedi complementari
Guaritori: Cerato, Gentian e Scleranthus. Aiuti: Gorse. Assistenti: Hornbeam.

Azione
Aiuta a definire il proprio vero ruolo, orienta la propria fede alla definizione degli obiettivi. Aiuta le scelte nell’adolescenza. Aiuta all’introspezione e ad interpretare i bisogni dell’Io. Sviluppa tre caratteristiche: risolutezza, determinazione e perseveranza.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano le sommità fiorite macerate col metodo dell’infusione solare.

WILD ROSE

(Rosa canina L.)

schede-fiori-di-bach-wild-rose

Descrizione botanica: Rosa canina L.
Famiglia: Rosaceae.
Sinonimi: Rosa canina, Rosa selvatica, Rosella.
Nome inglese: Wild Rose.
Nome francese: Eglantier.
Habitat: alberello che può raggiungere 2-3 metri, diffuso in Europa, utilizzato nei giardini come siepe decorative, cresce spontaneamente nei  boschi, ai bardi di tratturi e nei dirupi sassosi, con  fiori bianchi, rosa chiaro o scuro si aprono singolarmente o a gruppi di tre fra giugno e agosto, formati da  cinque grandi petali a forma di nocciolo.
Signature: la rosa simboleggia la sessualità e l’accettazione del dolore terreno. La definizione canina, si ricollega a Plinio che utilizzava questa pianta per curare le persone morsicate   da cani affetti dalla rabbia. Una particolare attenzione merita il fiore formato da cinque petali a forma di cuore, dalle foglie dentellate a forma di sega e dal fusto molto spinoso. È il fiore del dualismo tra il sentimento e la lotta, tra l’affettività e il protagonismo. Il fiore emerge dai cespugli  fitti e spinosi, come se volesse primeggiare.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per quelli che senza ragione significativa sono  rassegnaie  a tutto quello che accade.  Si contentano di  scivolare nella la vita, la prendono così come viene senza alcun sforzo per migliorare e trovare qualche allegria. Essi si sono arresi alla lotta per la  vita senza lamentarsi”.

schede-fiori-di-bach-wild-rose2Categoria archetipa
Insufficienza di interesse per il presente. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Soggetti che rinunciato alla lotta per la realizzazione, si  abbandonano   alla rassegnazione, non fanno nulla   per migliorare e per trovare un pò di  gioia. Sono senza aspettativa e fatalisti.

Tipologia
Persone rassegnate, senza entusiasmo, vivono una vita  desolata, senza  desiderio. Si esprimono con voce flebile e monotona. Non si interessano di niente e vivono nella completa indifferenza, hanno  tendenza a lasciare andare e a non reagire. Conducono una vita abitudinaria priva di interessi e di piaceri, non si lasciano coinvolgere né dalla gioia né dal dolore, non piangono e non ridono.
Sono persone apatiche,  stanche con mancanza di interesse per le cose quotidiane, inoltre, la routine quotidiana li rende ancora più stanchi e svogliati.
È il fiore dell’apatia mentale  e della indifferenza. A livello fisico l’apatia si manifesta con uno stato estremo di debolezza. Wild Rose è deluso e getta la spugna, spesso si tratta di delusioni affettive.
Sintomi generali:  soggetto  paranoico, svogliato, trascurato, assenza di pianto, noia e apatia.
Sintomi fisici: disperazione, amarezze, pessimismo, utile nell’arteriosclerosi, disturbi del sonno, dell’appetito e della libido.

Affermazioni ricorrenti
“Non ho stimoli, mi lascio andare”.
“Tutto quello che mi circonda non mi interessa”.
“Sono timido, apatico, non reagisco”.
“Mi sento scoraggiato”.
“Cedo il passo agli altri”.
“Mi domando se vivo o vegeto solamente”.

Rimedi complementari
Guaritori: Clematis. Aiuti: Olive. Assistenti: Chestnut Bad, Mustard, Honeysuckle  e White chestnut.

Azione
Il fiore sviluppa la voglia di affermazione, della vitalità, riprende il  gusto per le cose della vita quotidiana, riacquista umorismo e gioia di vivere. Fa ritrovare e rinascere il desiderio.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano i fiori col metodo della decozione.

WILLOW

(Salix vitellina L.)

schede-fiori-di-bach-willow

Descrizione botanica: Salix vitellina L.
Famiglia: Salicaceae.
Sinonimi: Salice.
Nome inglese: Willow.
Nome francese: Saule Blanc, Saule vive.
Habitat: albero comune in Europa, cresce nei terreni umidi, dal livello del mare fino a 1200 m; alto fino a 30 m, con fusto diritto con corteccia grigia più o meno chiara screpolata e cordonata longitudinalmente a maturità. I rami sono eretti con ramoscelli sottili e flessibili. La corteccia da verde-rossastra a bruno-rossastra, diventa giallo-dorata nella varietà vitellina, coltivata e tagliata a capitozza, per aumentare l’emissione di giovani rami.
Signature: salice, dal celtico sul-lis, vicino all’acqua, e dal latino salio, salire o saltare. La pianta cresce in fretta, come se saltasse fuori dal terreno. I rami tagliati in fase di crescita della pianta sono utilizzati per  fabbricare cesti. Simbolicamente è espressione di qualcosa che si impedisce di crescere, di esprimersi, come un  soggetto ferito, offeso.

Descrizione del dr. E. Bach
“Per quelli che hanno subito avversità e sfortuna  e non possono rassegnarsi  senza alcun lamento né risentimento, perché giudicano la vita in funzione del successo. Ritengono di non avere meritato   una prova così dura. La trovano ingiusta e si amareggiano. Arrivano  spesso a  interesse e occuparsi  meno attivamente delle  cose che prima facevano con piacere”.

schede-fiori-di-bach-willow2Categoria archetipa
Scoraggiamento e disperazione. Categoria assistenti.

Alterazione caratteristica
Persone che vivono la vita con rancore ed amarezza,  si sentono vittime del destino.

Tipologia
Soggetti amareggiati, si sentono preda dell’ingiustizia e dello sfruttamento in seguito a disgrazie o avversità  difficili da accettare. Generalizzano le esperienze negative.
Sono egoisti, si auto-compiangono, si sentono maltrattati e si chiudono in se stessi; sono di malumore, danno sempre la colpa agli altri.
Willow  rappresenta le  persone grigie e  pesanti, ritengono che le sorti della loro vita siano ingiuste ed inique, mentre  gli altri sono immeritatamente più fortunati di loro. Godono  di questo apparente, per loro,  giusto risentimento, e non si attribuiscono mai nessuna  responsabilità.
Lo scoraggiamento di Pine e di  Willow si manifesta per mancanza del senso di responsabilità nel rispondere alle esigenze della propria vita.
Il soggetto Willow vive con  il risentimento verso  qualcuno o qualcosa e non si sente ricompensati e amati dalla vita e l’amarezza bloccano la crescita di questa tipologia.
Il soggetto Willow vive proiettato su un’immagine ideale di come sarebbe stata la sua esistenza se il destino non gli si fosse accanito contro, per lui, il tempo non esiste,  tutto è fermo al momento e periodo del torto subito.
Sintomi generali: soffrono di mania di persecuzione, insoddisfatti, rimuginano i torti subiti vivendo di amarezze, recriminazioni e rancore.
Sintomi fisici: ipocondria, insufficienza digestiva, colite, dolori reumatici.

Affermazioni ricorrenti
“Mi sento di cattivo umore”.
“Quello che mi succede è ingiusto”.
“La sorte si è accanita contro di me”.
“Sono astioso, ingrato, invidioso”.
“Mi sento tradito”.

Rimedi complementari
Aiuti: Oak. Assistenti: Crab Apple, Elm, Larch, Pine, Star of Bethlehem e Sweet Chestnut.

Azione
Il fiore sviluppa la capacità di valutare le proprie responsabilità senza vittimismo e rancore, di assumersi la responsabilità della propria vita. Sviluppa l’autodeterminazione, l’accettazione e il perdono per le avversità della vita.

Metodo di Preparazione
Si utilizzano gli ameni e giovani foglie  col metodo della decozione.

Riferimenti bibliografici dell’autore

Carbone R. Monografie delle tipologie dei fiori di Bach. Pilgrim Edizioni, Aulla (MS), 2009.

Carbone R.  Tecnica di preparazione dei galenici omeopatici. Pilgrim Edizioni, Aulla (MS), 2010.

Carbone R.  Fiori di Bach. Capire l’essenza delle emozioni per vivere meglio. Pilgrim Edizioni, Aulla (MS), 2010.

Gemmoterapia
Fitoterapia